10 dicembre 2019
Aggiornato 00:00

Prove di disgelo per Obama a Ryad: Nessuno ha interesse a un conflitto con l'Iran

Non c'è "alcun Paese" che abbia interesse a un conflitto con l'Iran. Lo ha sottolineato il presidente degli Stati Uniti, che ha rivolto un appello al dialogo in Arabia Saudita in occasione di un summit dei Paesi del Golfo

RYAD - Non c'è "alcun Paese" che abbia interesse a un conflitto con l'Iran. Lo ha sottolineato il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, che ha rivolto un appello al dialogo in Arabia Saudita in occasione di un summit dei Paesi del Golfo a Ryad, in Arabia Saudita. "Anche con l'accordo sul nucleare l'Iran desta ancora preoccupazioni. Siamo impegnati a contrastare il traffico illegale d'armi e altre attività destabilizzanti. Allo stesso tempo nessuna delle nostre nazioni ha interesse in un conflitto con l'Iran".

"In Siria la guerra può finire solo con un processo di transizione senza Assad"
Il presidente americano poi si è soffermato sui conflitti che insanguinano il Medio Oriente e minacciano l'Occidente. "Siamo d'accordo sul proseguire a lavorare insieme per risolvere i conflitti regionali. In Siria, il cessate il fuoco è sotto costante pressione a causa delle continue violazioni da parte del regime di Assad - ha sottolineato Obama - La guerra civile può finire solo con processo di transizione senza Assad». Obama ha infine annunciato che gli Stati Uniti e i Paesi del Golfo produttori di petrolio lavoreranno insieme per attenuare l'impatto del calo dei prezzi del greggio.

(Immagini Afp)