26 maggio 2019
Aggiornato 19:30
Hollande a Baghdad

Autobomba a Baghdad, attacco kamikaze: 33 morti e 60 feriti

Almeno 33 persone sono rimaste uccise oggi a Baghdad dall'esplosione di un'autobomba. I feriti sono diverse decine. Il presidente Francois Hollande si trova nella città per far visita ai soldati francesi

La lotta al Califfato in Iraq

Truppe speciali irachene entrano a Mosul: sarà un cimitero per l'Isis

Il ministro degli esteri Gentiloni: «I nostri militari stanno addestrando e armando i peshmerga, proteggendo i lavori di ricostruzione della diga. Sono inoltre impegnati in operazioni di combattimento, di ricognizione e di soccorso con gli elicotteri»

L'enigma Iraq

Mosul, perché (e per cosa) anche noi italiani combattiamo sul campo

Quale sia il nostro compito e cosa facciamo è ignoto. Sicuramente rispondiamo ad una chiamata che giunge dagli Stati Uniti, e come spesso accade il Governo tenta di mitigare il ruolo dell’esercito, mascherando le operazioni sotto una potente retorica.

Scintille a Otto e mezzo tra la leader di FdI e la ministra

Soldati italiani a Mosul e in Lettonia: lo scontro fra Pinotti e Meloni

La leader di Fdi in collegamento a Otto e mezzo spiega come la presenza italiana a Mosul sia doverosa, mentre definisce un'idiozia la decisione del Governo di schierare 150 uomini al confine con la Russia

La città irachena nel nord del paese in mano all'Is dal giugno 2014

Iraq, al via la liberazione di Mosul dall'Isis

In un discorso alla tv il premier iracheno Haider al-Abadi, comandante in capo delle forze armate irachene, ha annunciato che sono iniziate le operazioni per riconquistare Mosul

Forze d'élite in guerra contro l'Isis

Truppe speciali italiane in Libia e Iraq autorizzate direttamente da Renzi

Alcune truppe italiane sarebbero attive tra Sirte e la provincia di Al Abar. A confermarlo un documento del Comando Interforze per le Operazioni delle Forze Speciali: gli italiani sono in Libia e Iraq insieme a Usa, Francia e Uk

La testimonianza

Io come Regeni, finito dentro un casino enorme in Iraq

Nel lontano 2003 ero uno dei pochissimi giornalisti italiani a girare per Baghdad, e per l’Iraq, in piena autonomia. Il mio compito era quello di fare il cantore del regime. Ma sono finito nel posto sbagliato al momento sbagliato

Lotta al terrorismo

Iraq, Libia: l’Italia è in guerra?

Secondo gli Stati Uniti un maggiore impegno dell’Italia in Libia sarebbe benvenuto. Mentre i jihadisti starebbero avanzando, il ministro italiano della Difesa Pinotti dichiara che «l’intervento italiano in Libia non è imminente».

Ecco cosa ci aveva detto appena qualche mese fa Loretta Napoleoni

Perché fare la guerra all'Isis sarebbe estremamente stupido

Lo Stato islamico rappresenta qualcosa di nuovo, con una forza attrattiva enorme nei confronti dei giovani musulmani di tutto il mondo. Dobbiamo aspettarci altri attacchi, ma bombardare non è la soluzione ai nostri problemi. E alla nostra paura

Dura presa di posizione dell'associazione contro la malainformazione

assoRinnovabili contro Libero e il Corriere

Basta polemiche sterili e inutili su una presunta conflittualità tra rinnovabili e energia tradizionale. Le energie pulite stravincono su tutti i fronti. Ecco i numeri

A colloquio con una delle più grandi esperte di terrorismo al mondo

Isis, Loretta Napoleoni: «Vi spiego perché la guerra è inutile»

Lo Stato islamico rappresenta qualcosa di nuovo, con una forza attrattiva enorme nei confronti dei giovani musulmani di tutto il mondo. Dobbiamo aspettarci altri attacchi, ma bombardare non è la soluzione ai nostri problemi. E alla nostra paura

Intervista a «La Stampa»

Bonino: «Medio Oriente rischia effetto domino»

L'ex ministro degli Esteri, la radicale Emma Bonino, analizza la cisi irachena e le mosse dell'Occidente: «Non serve un genio per capire dove sono i problemi dell'Europa, dobbiamo gettare le basi per una diversa politica mediterranea, servono strumenti più adeguati per una politica almeno a medio termine»

La crisi irachena

Renzi si mette l'elmetto: «In Iraq l'Europa non può stare a guardare»

Contro il terrorismo «l'Europa deve intervenire, non dormire come ha fatto in passato», secondo il presidente del Consiglio Matteo Renzi, che, intervistato dal Tg5, afferma: «Dobbiamo portare con noi i paesi arabi, non solo europei e americani, e di conseguenza isolare chi sostiene il terrorismo».

La crisi irachena

Mogherini: «Garantire l'unità e l'integrità del territorio iracheno»

Per affrontare la crisi irachena l'Italia ha lavorato a tre diverse linee di azione: lo ha dichiarato il ministro degli Esteri Federica Mogherini, intervenuta davanti alla Commissione Congiunta Esteri e Difesa di Camera e Senato: «rispondere a dramma è un dovere politico e morale».