17 agosto 2019
Aggiornato 16:30
Lotta alla criminalità organizzata

Mattarella: «Troppe incertezze ed errori in indagini su Borsellino»

Il capo dello Stato parlando al plenum del Csm per ricordare il magistrato ucciso dalla mafia: «Ancora tanti sono gli interrogativi sul percorso per assicurare alla giusta condanna i responsabili di quel delitto efferato»

Mafia

Palermo, vandalizzata statua di Falcone in una scuola dello Zen

A pochi giorni dall'anniversario della strage di via D'Amelio il 19 luglio, uno sfregio, non il primo, alla statua del magistrato simbolo dell'anti-mafia. Gentiloni: 'Misera esibizione di vigliaccheria', Boldrini: 'Gesto ignobile e vigliacco'

Storia e cultura

Ivrea, in città parte la staffetta de «L'agenda ritrovata»

Sarà Ivrea il punto di partenza, venerdì 16 giugno degli eventi per commemorare il venticinquesimo della morte di Paolo Borsellino e della sua scorta. Alle 21 il fratello del magistrato, Salvatore incontrerà i cittadini

Lotta alla criminalità organizzata

Sarti (M5s): «Borsellino e Falcone uccisi dalla Mafia e dallo Stato»

La parlamentare del Movimento 5 stelle è intervenuta in aula alla Camera per denunciare i tanti punti oscuri dietro alle stragi degli anni '90, in cui persero la vita i due magistrati simbolo della lotta alla criminalità organizzata. «Tanti nomi dei responsabili devono ancora essere trovati e scritti nelle sentanze»

Due mesi prima veniva ucciso Giovanni Falcone

Paolo Borsellino: storia di un eroe a 24 anni dalla strage di via D'Amelio

Erano quasi le 17 del 19 luglio 1992 quando una Fiat 126 imbottita di tritolo saltava in aria uccidendo il magistrato Paolo Borsellino e i cinque agenti di scorta Emanuela Loi, Agostino Catalano, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina.

L'evento è stato voluto dal M5s

A Ostia per ricordare Paolo Borsellino

Il Movimento 5 Stelle torna in piazza e stavolta per redigere insieme ai cittadini di Ostia la «Carta della Legalità», proprio in occasione del 23esimo anniversario della morte di Paolo Borsellino e della sua scorta: «Con noi anche l'assessore al Comune di Roma Alfonso Sabella»

Inchiesta trattativa Stato-mafia

L'ex Ministro Martelli denuncia il pentito D'Amico

Il collaboratore di giustizia, ascoltato in qualità di teste nelle scorse settimane al processo sulla trattativa Stato-mafia, aveva parlato del coinvolgimento dell'ex Guardasigilli in qualità di mandante delle stragi di Capaci e via D'Amelio.

La denuncia dell'ex presidente della commissione antimafia

Violante: «Perché a Riina non fu applicato il 41 bis?»

Luciano Violante, nel corso del processo 'Borsellino quater', dichiara che, negli anni Novanta, in qualità di presidente della commissione Antimafia, aveva notificato come il super boss di Corleone non stesse scontando la pena del 41 bis: «La politica pensava ad altro».

Dopo l'audizione sulla Trattativa Stato-mafia

Grillo sul blog: «Cosa teme Napolitano?»

Il capo dello Stato è stato ascoltato ieri, al Quirinale, dai membri della Corte d'Assise di Palermo, per raccogliere la testimonianza di Napolitano in relazione alla trattativa Stato-mafia. Sul blog del leader del Movimento 5 Stelle, oggi, un post con un duro attacco al capo dello Stato.

La strage di Via D'Amelio

Boldrini: Borsellino conosceva il profumo della libertà

A ventidue anni dall'attentato in cui persero la vita il giudice Borsellino e la sua scorta, intervengono il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano e la presidente della Camera, Laura Boldrini. Intanto, a Palermo, i familiari delle vittime di mafia sono stanchi delle verità parziali.

Anniversari

22 anni fa la strage di Capaci

Ventidue anni dopo, Palermo si ferma per ricordare la strage di Capaci, in cui morirono il giudice Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo, e tre agenti di scorta, Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro.

Mafie | Stragi '92 e '93

Gratteri: «Falcone e Borsellino? Due fuoriclasse»

Così Nicola Gratteri, procuratore aggiunto della Repubblica di Reggio Calabria, ha ricordato ai microfoni di Prima di tutto», su Radio 1, i drammatici attentati di Palermo del 1992, i 57 giorni fra l'omicidio di Giovanni Falcone e quello di Paolo Borsellino.