23 ottobre 2018
Aggiornato 22:00

Milan: la pretesa di Rodriguez

Aumentano le pretendenti al mancino svizzero del Milan, il quale però in rossonero sta bene e lascerebbe Milanello ad una sola condizione…
Il mancino svizzero Ricardo Rodriguez
Il mancino svizzero Ricardo Rodriguez (ANSA)

MILANO - Curiosa questa caccia a Ricardo Rodriguez. È vero che il mancino rossonero è stato uno dei calciatori più utilizzati in stagione al Milan, ma il suo rendimento (al netto di qualche positiva prestazione soprattutto in avvio di annata) è stato tutt’altro che esaltante: 47 partite condite da 4 gol (1 in serie A e 3 in Europa League) e 2 assist (tutti in Europa), ma specialmente un costante 5 in pagella nel 2018 che ha fatto disperare i tifosi milanisti.
Eppure è bastato un golletto segnato con la maglia della nazionale Svizzera contro la Spagna in un’amichevole di preparazione ai mondiali di Russia 2018 (un tap in a pochi passi dalla porta su ribattuta corta di De Gea, niente di che) per scatenare una sorta di asta per accaparrarselo.

Obiettivo Champions
Le prime richieste sono arrivate dalla Germania, paese dove è esploso calcisticamente nel Wolfsburg. Dalla Bundesliga infatti sono giunti primi timidi segnali dal Borussia Dortmund e poi dal Bayern Monaco. Ma non è finita perchè nella giornata di ieri si è sparsa la voce di un interessamento pure del Monaco, il club del Principato con cui il Milan sta parlando fitto fitto di Falcao e Andrè Silva.
Dal canto suo Ricardo Rodriguez sembra aver preso la sua decisione: preso atto che al Milan sta benissimo, la sua ambizione è quella di cambiare aria solo per andare a giocare in un club in grado di vincere la Champions League. Altrimenti meglio restare a Milanello.