22 febbraio 2020
Aggiornato 21:00
Calcio | Nazionale

Real Madrid su Romagnoli: la strategia del Milan

Le prestazioni eccellenti del centrale rossonero nel corso dell’ultima stagione hanno acceso i riflettori internazionali su di lui. Il Real lo vorrebbe, il Milan ha pronta la controffensiva.

Il difensore rossonero Alessio Romagnoli
Il difensore rossonero Alessio Romagnoli ANSA

MILANO - Al Milan sembra di essere sul Titanic dopo l’impatto con l’iceberg: tutti cercano di scappare prima di affondare. O almeno questo è quello che vorrebbero farci credere alcuni organi di informazione. In realtà tra via Aldo Rossi e Milanello non si respira alcuna aria allarmistica, malgrado l’imminente e sentenza Uefa che molto probabilmente squalificherà il Milan dalle coppe europee per la prossima stagione. Si continua a leggere di calciatori rossoneri pronti a chiedere la cessione con le valigie in mano, da Bonucci a Donnarumma, passando per Suso, Bonaventura, Calhanoglu etc. etc., ma al momento nessuno ha chiesto di andar via.
Tra questi anche Alessio Romagnoli, uno dei milanisti maggiormente cresciuti nel corso dell’ultima complicata stagione. Il classe 1995 si è assunto la responsabilità di compattare la difesa rossonera e dopo il ritorno alla difesa a 4 è stato lui a trascinare Bonucci, non viceversa, aiutandolo ad ambientarsi e costituendo con lui quella che è adesso la coppia titolare della nazionale italiana di Mancini.

Interesse Real
Ovvio che un tale sfoggio di classe e talento, combinati con una carta d’identità che dice «anno di nascita 1995», abbiano fatto di Romagnoli uno dei giovani più interessanti del panorama calcistico continentale. E altrettanto ovvio che sul difensore laziale abbia posto il suo sguardo famelico anche il potentissimo Real Madrid.
Premesso che per il Milan Alessio Romagnoli è assolutamente incedibile, non è escluso che il club campione d’Europa e del mondo possa tentare un’offensiva, per la quale però Fassone ha già la risposta pronta: per meno di 70 milioni non ci sediamo neppure al tavolo delle trattative.

Il piano del Milan
In realtà la dirigenza rossonera ha in mente una strategia ben precisa per blindare definitivamente il centrale di Anzio, attualmente in scadenza di contratto a giugno 2020. Rinegoziare i termini dell’accordo prolungando il legame tra Romagnoli e il Milan fino al 2023 e soprattutto aumentando considerevolmente l’ingaggio dell’ex sampdoriano che attualmente guadagna 2 milioni e che potrebbe arrivare ad incassarne 3,5. Del tutto in linea con il suo valore e con la sua quotazione attuale sul mercato internazionale.