18 gennaio 2020
Aggiornato 09:00
Calcio | Nazionale

Milan: due piccoli infortuni obbligano Gattuso a una rivoluzione a metà

Turn over programmato da Gattuso, con un’interessante variante in attacco. Alla vigilia della sfida contro il Ludogorets però si fermano Musacchio e Antonelli.

Il tecnico rossonero Gennaro Gattuso
Il tecnico rossonero Gennaro Gattuso ANSA

MILANO - Il successo ampio e gratificante ottenuto dal Milan a Razgrad, sul campo tutt’altro che accogliente del Ludogorets, ha portato in dote a mister Gattuso l’opportunità dal valore incalcolabile di poter far rifiatare i titolarissimi in vista del match di ritorno e dare spazio alle cosiddette seconde linee. I lavori a Milanello in questi giorni procedono in tal senso, seppur a volte ci si mettono dei piccoli ostacoli di mezzo ad ingarbugliare le idee dell’allenatore rossonero. Prendiamo ad esempio Mateo Musacchio: l’argentino ero uno dei principali candidati a scendere in campo dal primo minuto giovedì sera contro i bulgari, invece, come testimoniato dal dottor Mazzoni nel suo consueto punto settimanale sugli infortunati, probabilmente non sarà della partita: «Oggi non si è allenato in gruppo precauzionalmente. Ha dolore ad un polpaccio e nelle prossime ore indagheremo l’entità di questo problema».

Conti sta bene
Considerato che domani è già giorno di vigilia e il Milan non può permettersi il lusso di rischiare l’ex Villarreal e magari perderlo per un periodo più lungo, ecco che per uno dei due tra Bonucci e Romagnoli (più probabile l’ex Samp e Roma) sarà richiesto un supplemento di fatica accanto al certo titolare Zapata. Difficile infatti che Gattuso decida di buttare nella mischia anche Gustavo Gomez, sempre più ai margini del progetto rossonero.
Per quanto riguarda gli altri infortunati di Casa Milan, il bollettino settimanale del dottor Mazzoni è stato incoraggiante: «Conti sta bene, il ginocchio sta bene. I test atletici fatti hanno dato esito soddisfacente. Adesso, sta seguendo un programma di riatletizzazione individualizzato. Adesso l’obiettivo vero è quello di alzare il livello di condizione atletica. E anche Kalinic sta molto meglio, tanto che oggi si è allenato in gruppo».

Novità in attacco
Ma Musacchio non è il solo da uscire acciaccato da questa settimana calda a Milanello: ieri, nel corso dell'ultimo allenamento, si è fermato anche Luca Antonelli. Il classe '87 cresciuto nel vivaio rossonero, nelle idee di mister Gattuso? avrebbe dovuto coprire il ruolo di terzino sinistro in vista del match di ritorno con il Ludogorets, in programma giovedì sera a San Siro e con in palio la qualificazione agli ottavi di finale di Europa League. Le scelte quindi sembrano obbligate e condizionate da questi piccoli contrattempi fisici che costringono l'allenatore calabrese ad un turn over parziale: in porta toccherà ancora una volta a Gigio Donnarumma; davanti a lui Abate e Antonelli sulle fasce e la coppia Zapata-Romagnoli in mezzo; il centrocampo potrebbe essere schierato in un’inedita versione a quattro con Kessiè a destra, Borini a sinistra e Montolivo e Locatelli al centro; e per finire i due bomber Cutrone e Andrè Silva a guidare l’attacco rossonero.