22 febbraio 2019
Aggiornato 08:30
Il governo Renzi destina 60mila euro al golf

Manovra, come i 60milioni di euro per la Ryder Cup sono usciti dalla porta e rientrati dalla finestra

Ben 60mila euro sono stati destinati dal governo Renzi per finanziare la Ryder Cup Europe, che si svolgerà in Italia nel 2022 nel country club della famiglia Biagiotti. Una cifra monstre che stride con le priorità di un paese in crisi e flagellato dai terremoti

Il presidente del Consiglio, Matteo Renzi.
Il presidente del Consiglio, Matteo Renzi.

ROMA – Escono dalla porta e rientrano dalla finestra. Succede ad alcuni stanziamenti inseriti nella legge di Bilancio 2017 del governo Renzi. Ben 97 milioni di euro inizialmente erano stati destinati come garanzia per la Ryder Cup Europe, che si svolgerà in Italia nel 2022. Ma dopo le proteste delle opposizioni, l'Esecutivo aveva fatto dietrofront sforbiciando la manovra finanziaria e tagliando questa ed altre voci di spesa. O almeno così sembrava. In realtà, una piccola nota a piè di pagina sita sotto una tabella della legge di Bilancio dice che 60 milioni di euro saranno destinati alla Ryder Cup. E stavolta sono soldi cash.

Finanziamenti che escono dalla porta e rientrano dalla finestra
Noi ve l'avevamo detto (LEGGI ANCHE "Manovra finanziaria, quella sforbiciata last minute ai finanziamenti monstre"). Pochi giorni fa avevamo predetto che questi finanziamenti sarebbero «resuscitati» in un modo o nell'altro. Ed eccoci qui. Dopo le pressioni delle opposizioni, questo ingente stanziamento da 97 milioni di euro per la Ryder Cup Europe era stato eliminato dalla Legge di Bilancio 2017, insieme ad altre voci di spesa. Si trattava, infatti, di una cifra monstre che evidentemente strideva troppo con le priorità di un paese economicamente in crisi e flagellato dal terremoto (si pensi anche che la riforma costituzionale che ha spaccato in due il paese farebbe risparmiare «solo» 57 milioni di euro l'anno). Il governo Renzi, messo alle strette dopo le denunce del M5S, aveva dovuto fare dietrofront e sforbiciare la manovra finanziaria. O almeno così sembrava.

59,4 milioni di euro per il golf. E i terremotati?
Perché, dopo neanche una settimana, quel «regalino» alla Ryder Cup che era uscito dalla porta principale di Palazzo Chigi è già rientrato dalla finestra. E stavolta sono soldi cash: 60 milioni di euro, per l'esattezza. A scoprire quella piccola nota a piè di pagina, sconosciuta perfino ai tecnici del Ministero dell'Economia, è stato Il Fatto Quotidiano. Nel calderone dei fondi destinati a «Giovani e sport» c'è un minuscolo appunto per segnalare la variazione da 5,4 milioni di euro l'anno dal 2017 al 2027 per lo svolgimento della Ryder Cup. In tutto fanno 59,4 milioni di euro sonanti. Finiranno in parte nelle tasche dei futuri campioni che parteciperanno alla competizione e in parte nelle casse della Federazione Italiana Golf che avrà il compito di finanziare l'evento mondiale.

M5S: La solita marchetta agli amici degli amici
Per carità, si tratta di un evento di tutto rispetto e prestigioso per il paese. Ma questa edizione italiana sarà la più cara di sempre, basti pensare che la Francia – che ospiterà lo stesso evento nel 2018 – ha previsto un budget di circa 40mila euro. Vale anche la pena di ricordare che la Ryder Cup Europe non è solo un grande evento sportivo. Tra i membri del suo comitato organizzatore, infatti, ci sono personaggi dai nomi altisonanti. Tra loro troviamo Giampaolo Letta (figlio di Gianni e cugino di Enrico), Evelina Christillin (manager molto vicina alla famiglia Agnelli), Luigi Gubitosi (ex Direttore generale della Rai), Francesco Soro (capo di gabinetto del Coni e vicino a Malagò). E la competizione sportiva si svolgerà a Guidonia Montecelio nel country club della famiglia Biagiotti. Secondo gli esponenti grillini del Movimento 5 stelle si tratta della «solita marchetta agli amici degli amici». Un «regalino» da parte del governo ad alcuni illustri personaggi.

Grillo e l'hashtag #nosoldialgolf
E ora che questi 60mila euro sono stati (re)inseriti nella legge di Bilancio 2017 l'affondo dei pentastellati nei confronti dell'Esecutivo e del premier Matteo Renzi non si è fatto attendere. «Allora è un vizio – si legge in un post pubblicato sul blog di Beppe Grillo -. Il governo ci tiene così tanto alla Ryder cup che ci riprova e questa volta infila con un codicillo alla fine di una tabella del Ministero del Tesoro soldi contanti, cash, denaro sonante, denaro pubblico, s'intende, a favore delle casse della FederGolf». Evidentemente era uno stanziamento «troppo importante per essere cassato, nonostante l'indignazione popolare». Ma gli esponenti del M5S non si limitano alle accuse e rilanciano chiedendo all'Esecutivo di mettere a disposizione questi soldi per le (vere) esigenze del paese: «Quella del governo Renzi, a questo punto, è proprio malafede. Che questi 60 milioni vengano usati piuttosto per la sanità pubblica o per il terremoto, invece che per il golf», conclude il post. E l'hashtag #nosoldialgolf lanciato da Beppe Grillo è già trend topic.