28 giugno 2017
Aggiornato 07:24
> <
RSS

Casini: Fiorito si ricandida? Trovi chi lo riprende...

Renata Polverini «è uno dei pochi presidenti che non ha un avviso di garanzia e come tale non aveva nessun obbligo di dimettersi, ma ne ha fatto un obbligo di dignità e di responsabilità». Il leader dell'Udc Pier Ferdinando Casini, intervistato dal Messaggero, ammette che la Polverini poteva dimettersi «uno o due giorni prima» ma questo non fa la differenza

Polverini: La festa è finità

«La decisione è irrevocabile, mi dimetto». Dopo sette giorni di passione, tra annunci e smentite, voci e controvoci, Renata Polverini alla fine ha lasciato la presidenza della Regione Lazio: «Ringrazio l'Udc, Alfano e Berlusconi»

Laziogate, il PD minaccia dimissioni

Dopo avere votato i tagli il Pd torna a chiedere le dimissioni della presidente della Regione Lazio Renata Polverini e, dopo avere già presentato una mozione di sfiducia nei suoi confronti, annuncia di avere iniziato una raccolta firma per le dimissioni dei propri esponenti da consiglieri regionali. Fioroni: Casini stacchi la spina

UdC decisiva per la Polverini

Senza gli uomini di Casini maggioranza a 36, che è il limite del numero legale. Zanda: Tutti gli strumenti per tornare al voto. Boniver (Pdl): Servono regole rigorose. Poli Bortone: Referendum per abolire le regioni. Paniz-Costa: Ora regole rigorose o onesti a disagio

Polverini: I tagli? Solo il primo passo

«Serviva uno scatto d'orgoglio e un gesto forte: questo gesto c'è stato con la spending review più importante realizzata dalle Regioni». Alla fine la Presidente della Regione, come ci si aspettava, ha incassato l'appoggio (unanime) del Consiglio regionale del Lazio e non si è dimessa. Ma le inchieste continuano

UdC, sostegno a tempo per la Polverini?

Una cosa è sostenere Renata Polverini e governare con il Pdl per contrastare l'ascesa della «laicissima» Emma Bonino, altra è continuare ad appoggiare la governatrice dopo lo scandalo «ostriche e champagne». Per questo l'Udc è a un bivio, di fronte alla crisi innescata dallo scandalo Fiorito. Big centristi locali frenano, ma Casini accarezza schema Sicilia

Polverini: Trasformeremo questa Regione

«Sono sicura che» nella seduta del consiglio regionale di oggi «c'è la consapevolezza di poter andare avanti, malgrado la catastrofe politica ancora da superare». Lo ha detto la presidente della Regione Lazio. Meta (Pd): Dalla Polverini pannicello caldo, vendono fumo

Fondi PDL, vertice tra PM e GDF

Oggetto della riunione è stata anche l'attività ispettiva svolta ieri dalle Fiamme gialle nella sede della Pisana, dove per alcune ore sono stati ascoltati diversi funzionari dell'ufficio di presidenza del Consiglio. «Concentrati su finanziamenti al gruppo Pdl della Pisana»

La sfida di Berlusconi? Tenere insieme il PDL

Il Cavaliere vede La Russa e Gasparri portavoci dell'insofferenza degli ex AN. Ma ad alimentare il rischio implosione nel Pdl, in queste ultime ore, c'è anche il caso dell'uso dei fondi del gruppo in Regione Lazio, e le indiscrezioni sulla tentazione di Renata Polverini di dimettersi dalla presidenza

Polverini, «nuovo Centro» in vista?

La Presidente del Lazio ha comunicato a diversi assessori di essere pronta a dimettersi per portare la Regione al voto. In quelle stesse ore, in molti hanno provato a contattarla o incontrarla, certamente è riuscito a discutere con lei Silvio Berlusconi, pregandola di ripensarci, di evitare gesti avventati

> <