26 maggio 2019
Aggiornato 19:00
Una trappola fatta di bluff e astuta strategia massmediatica

Per l'Isis quelle vittime sono solo «trovate pubblicitarie a basso costo»

Gli attacchi di venerdì in Tunisia, Francia e Kuwait, per l'Isis, sono stati una trovata pubblicitaria, e pure a basso costo. E noi, ancora una volta, siamo caduti nella trappola. Perché anziché dare attenzione ai carnefici (assecondando la loro strategia), dovremmo darla (concretamente) alle vittime. Anche a quelle più lontane da noi

Dopo i tre attentati di venerdì

Tunisia, Francia, Kuwait: come l’Isis sceglie le sue vittime

A pochissimi giorni dall'anniversario della proclamazione del Califfato, l'Isis ha celebrato la ricorrenza a modo suo. I tre attentati di venerdì hanno sconvolto tre Paesi apparentemente diversi tra loro, ma in realtà tutti e tre, per ragioni diverse, importanti obiettivi dello Stato islamico

La protesta tunisina

Manifestazioni a Tunisi, riunione d'urgenza del Governo

Almeno 5.000 persone, tra cui numerosi deputati e dirigenti dell'opposizione laica, si sono radunate poco dopo la rottura del digiuno del ramadan in un sit-in notturno per chiedere le dimissioni del governo e lo scioglimento della costituente dominata dal partito islamico Ennahda

Parla il figlio dell'ex guardia corpo

Tunisia, Ben Ali fuggì per paura del golpe

I Militari volevano rimanere al potere, come in Egitto: C'era una rivoluzione. Nello stesso tempo stava succedendo altro: un colpo di stato

Tunisia

Leader islamista Ghannouchi: tornerò presto

E precisa: «Non sono un Khomeini», non voglio instaurare sharia. Ciò di cui la Tunisia ha bisogno oggi è la libertà, un'autentica democrazia

Tensione nel paese

Tunisia, oggi il nuovo Governo

Il Premier Ghannouchi ha detto ieri che è stato raggiunto un accordo con le forze di opposizione. Scontri ieri sera tra l'esercito e i fedelissimi di Ben Ali