19 settembre 2019
Aggiornato 17:00

Milan: doppia idea per il nuovo centrocampo rossonero

Oltre ad un centravanti da almeno 20 gol a stagione, la principale esigenza per Gennaro Gattuso, emersa nel corso della stagione appena conclusa, è quella di poter contare su una mezzala in più.

Il centrocampista francese Jordan Veretout
Il centrocampista francese Jordan Veretout ANSA

MILANO - Su una cosa sembra esserci completa sintonia e uniformità di vedute tra dirigenti, tecnici, addetti ai lavori, opinionisti e semplici tifosi del Milan: alla squadra di Gattuso mancano pochi tasselli per completare una rosa in grado di poter dare grandi soddisfazioni da qui agli anni futuri. Oltre ad un centravanti da almeno 20 gol a stagione, la stagione appena conclusa ha evidenziato un’enorme lacuna in mezzo al campo dove Kessiè e Bonaventura sono stati costretti agli straordinari per l’assoluta mancanza di alternative nel loro ruolo. Fassone e Mirabelli ne hanno preso atto e, in attesa della sentenza Uefa che da qui alle prossime ore potrebbe indirizzare in maniera precisa il prossimo mercato rossonero, hanno iniziato a stilare una possibile lista di nomi ed opportunità.

Badelj a parametro 0
Detto abbondantemente di Marouane Fellaini, gigantesco centrocampista belga in scadenza di contratto con il Manchester United e al centro delle attenzioni del Milan, le principali alternative giocano in viola, con la maglia della Fiorentina. Il primo è il centrale Milan Badelj, già entrato in orbita rossonera lo scorso anno e attualmente in scadenza di contratto con il club gigliato - in attesa di possibili colpi di scena che cambierebbero le carte in tavola - condizione che ne fa un boccone prelibato per una folta concorrenza.

Ipotesi Veretout
Il secondo invece è Jordan Veretout, mezzala di qualità e sostanza (esattamente quello che servirebbe al Milan attuale), arrivato la scorsa estate a Firenze dall’Aston Villa per 7 milioni di euro e protagonista di una stagione sontuosa impreziosita da 10 gol complessivi (8 in campionato e 2 in Coppa Italia) in 38 partite. Cresciuto accanto a Pogba e Koulibaly nella Francia Under 20 che vinse il Mondiale di categoria, oggi il classe ’93 di Ancenis ha visto quasi triplicato il valore del proprio cartellino ma resta comunque un’opportunità importante per il Milan. Dopo la lunga ed estenuante trattativa che ha visto Kalinic finire in rossonero, la prossima estate potrebbe essere quella di Veretout. L’augurio in casa Milan è che i risultati sul campo possano però essere diversi.