21 novembre 2019
Aggiornato 17:00

Milan, per Montella c'č un dubbio centravanti

Tra le tante indiscrezioni sul mercato rossonero, una delle piů interessanti č quella legata al prossimo centravanti. Tra la suggestione Pellč, il richiamo all’ex viola Mario Gomez e il polacco Milik, l’unica certezza č prima di qualsiasi operazione sarŕ necessario cedere Bacca al miglior offerente.

MILANO - In questo periodo, si sa, le indicazioni che arrivano dal mercato sono tante e - molto spesso - contraddittorie. Immaginate quanto possano esserlo in Casa Milan, con il club di via Aldo Rossi ancora alle prese con una confusione societaria che annebbierà gli orizzonti rossoneri almeno ancora fino a metà luglio.

Non fa troppo effetto quindi scoprire in una stessa giornata che Vincenzo Montella avrebbe da una parte fatto espressa richiesta di un centravanti grande e grosso da piazzare al centro dell’attacco, dall’altra invece avrebbe deciso di puntare su un’altra tipologia di calciatore.

Montella e i suoi ex

Secondo il Corriere dello Sport, il neo allenatore del Milan vorrebbe Mario Gomez a Milanello, guarda caso anche lui già alle dipendenze dell’Aeroplanino alla Fiorentina. Quanto un’informazione del genere possa essere credibile è difficile da stabilire, ma un elemento sembra fin troppo evidente: in un periodo di confusione totale per i rossoneri e in mancanza di notizie serie e concrete, i malcapitati esperti di mercato sono costretti ad arrabattarsi per tirare fuori spunti di conversazione, tirando fuori dalla naftalina presunte indiscrezioni tutte legate a ex calciatori di Vincenzo Montella. E quindi ecco il Milan «interessato» in ordine sparso a Gomez, Mati Fernandez, Ljajic, Tomovic, Soriano, Fernando etc. etc.

Pellè o Mario Gomez?

La sensazione è che nessuno di questi arriverà mai al Milan e appena il mercato rossonero prenderà definitivamente corpo ne prenderemo atto. Così come non dovrebbe arrivare a Milanello Graziano Pellè, protagonista - suo malgrado - del post Germania-Italia per la ridicola pantomima dello scavetto messa in scena davanti agli occhi di Manuel Neuer, e diventata oggetto di scherno sui social network.

Gianluca Di Marzio, guru del calciomercato nazionale, ha accostato il nome del centravanti salentino al Milan, spiegando però che si trattava più che altro di una suggestione pre-Montella, perché il neo allenatore rossonero sarebbe contrario all’utilizzo di un attaccante con determinate caratteristiche. Decisamente in contrapposizione con quanto letto altrove.

Suggestione Milik

Poi ci sarebbe una terza opzione, la più credibile e probabilmente anche la più apprezzata dai tifosi milanisti: Arkadiusz Milik. Il giovane bomber polacco classe ’94, protagonista di una strepitosa stagione sia con la maglia dell’Ajax che con quella della Polonia ai recenti Europei di Francia 2016, ha solleticato la curiosità di molte squadre in Europa, tra cui anche i principali club italiani (Juventus, Napoli, Roma e Inter). Al Milan però l’attaccante dei Lancieri potrebbe trovare un ambiente ideale per la sua definitiva consacrazione, molto più che altrove dove probabilmente finirebbe a fare panchina schiacciato dall’ingombrante presenza di gente come Mandzukic, Dybala, Higuain, Icardi etc. etc. Perché però il Milan possa tentare l’affondo decisivo è necessario piazzare Carlos Bacca - evidentemente alla fine della sua breve avventura in rossonero - al miglio offerente, con l’Atletico Madrid in pole position. 

In ogni caso, la verità ci sarà svelata nei prossimi giorni quando Adriano Galliani entrerà definitivamente in azione, con o senza supporto dei cinesi. Fino a quel momento non ci resta che aspettare.