20 febbraio 2020
Aggiornato 23:00
L'ISTAT rivede al ribasso le stime sul PIL

Renzi ci crede: «La crescita forse rallenta, ma l'Italia può tornare locomotiva»

Lo ha scritto il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, nella enews inviata ai propri sostenitori: «I numeri sono più forti di qualsiasi valutazione». Padoan: «Risultato inferiore a 0,9% avrebbe peso marginale». Boschi: «Crescita Paese è in linea con aspettative».

ROMA - Le ultime previsioni parlano di un rallentamento della crescita, ma il quadro non cambia e «l'Italia può tornare ad essere una locomotiva». Lo ha scritto il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, nella enews inviata ai propri sostenitori.
«Alcune previsioni segnano un potenziale rallentamento della ripresa. Gli eventi di Parigi e la crisi dei paesi emergenti non sono propriamente due buone notizie nemmeno sotto il profilo economico. Ma i numeri - aggiunge - sono più forti di qualsiasi valutazione: a ottobre del 2014 la disoccupazione era al 13%, oggi è scesa all'11,5%. Ci sono più di trecentomila italiani in più al lavoro da quando il Governo ha imboccato la strada del JobsAct. Crescono i mutui, il Pil torna positivo, ripartono i consumi, la fiducia è ai livelli più alti degli ultimi 20 anni».
Conclude Renzi: «Ma al di là dell'elenco dei segni più, quello che a me colpisce è che l'Italia ha tutto per tornare a essere una locomotiva. Perché abbiamo stabilità, stiamo facendo riforme, abbiamo margini di miglioramento sull'efficienza organizzativa notevoli. Dopo tre anni di recessione siamo ripartiti. La velocità della crescita dipenderà adesso innanzitutto dai consumi interni e dagli investimenti. Ecco perchè il mio invito a crederci non è generico ottimismo, ma precisa strategia economica».

Padoan: Risultato inferiore a 0,9% avrebbe peso marginale
Se a fine anno «ci dovesse essere un risultato inferiore allo 0,9% di crescita, per quanto riguarda il Pil, questo avrebbe» un peso «marginale sulla finanza pubblica». Lo ha dichiarato il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, intervenendo a Roncade, presso H Farm.

Boschi: Crescita Paese è in linea con aspettative
La crescita economica è «in linea con le aspettative». È la posizione del ministro per le Riforme, Maria Elena Boschi, rispondendo a una domanda circa gli ultimi dati Istat. Parlando ad Ercolano dove ha preso parte all'iniziativa «Italia, coraggio!» nell'ambito della due giorni organizzata dal Partito democratico con dei banchetti allestiti nelle principali piazze italiane, il ministro ha dichiarato: «E' un paese in cui il Pil è tornato ad avere il segno più - ha evidenziato - ovviamente non ci accontentiamo, vogliamo fare di più, ancora meglio per il prossimo anno».
Il ministro ha poi aggiunto: «C'è bisogno di coraggio. È un momento difficile nel quale bisogna condividere il coraggio, stare uniti e avere voglia di risolvere i problemi, impegnarsi con idee nuove e rilanciare il Paese».