21 settembre 2019
Aggiornato 21:00
L'allerta del Codacons

Nel 2017 arriva la stangata da 986 euro a famiglia

Nel 2017 i prezzi torneranno a salire e cresceranno quelli al dettaglio, i pedaggi, le bollette e il costo della benzina con significative conseguenze sui portafogli dei consumatori

ROMA - Nel corso del 2017 gli italiani dovranno mettere in conto una stangata pari a circa 986 euro a famiglia. Lo afferma il Codacons, che ha elaborato uno studio sugli incrementi di spesa previsti per il nuovo anno sul fronte dei prezzi e delle tariffe. Nel nuovo anno, secondo gli analisti, si dovrebbe finalmente assistere all'attesa ripresa dei prezzi al dettaglio, rimasti sostanzialmente fermi nel corso dell'intero 2016.

I prezzi torneranno a salire nel 2017
La crescita dei listini determinerà, solo di costi diretti, una maggiore spesa pari a +302 euro a famiglia, mentre per gli alimentari occorrerà mettere in conto 193 euro in più; aumenti che si ripercuoteranno anche nel settore della ristorazione (+28 euro). Per i trasporti (aerei, treni, taxi, mezzi pubblici, traghetti) un nucleo familiare tipo dovrà affrontare una maggiore spesa pari a 64 euro, mentre viaggiare sulle autostrade comporterà un aggravio medio di 35 euro.

Rincari sui mezzi di trasporto e sui servizi bancari
I gestori autostradali hanno infatti già presentato al ministero dei trasporti le richieste di aumento delle tariffe per il 2017. Per i servizi bancari complessivamente spenderemo 16 euro in più rispetto allo scorso anno, +7 euro per quelli postali. Torneranno a crescere anche le tariffe Rc auto, e assicurare una automobile costerà mediamente 10 euro in più. Previsti anche rincari nel settore energetico: il 2016 si chiude infatti con una raffica di rialzi del petrolio, che dovrebbero proseguire anche nel corso del 2017, determinando effetti sulle bollette (luce e gas +29 euro) e sui rifornimenti di carburante (+175 euro).

Torneranno a salire anche le bollette
Costerà meno, invece, il canone Rai, che scende da 100 euro a 90 euro, mentre per scuole, mense, libri ed istruzione in generale la spesa media di un nucleo familiare salirà di 45 euro. Leggeri incrementi anche per curarsi: +37 euro. Prezzi al dettaglio +302 euro; alimentari +193 euro; acqua e rifiuti +55 euro; istruzione +45 euro; trasporti +64 euro; tariffe autostradali +35 euro; ristorazione +28 euro; banche +16 euro; Rc auto +10 euro; luce e gas +29 euro; tariffe postali +7 euro; sanità +37 euro; carburanti +175 euro; canone Rai -10 euro; totale +986 euro a famiglia.