6 dicembre 2019
Aggiornato 22:00
Politiche europee

Vertice Ecofin, Italia sorvegliata speciale

La BCE ha ammonito Roma sul fatto che «permangono rischi sul conseguimento degli obiettivi di deficit 2014». L'Ocse ha ricordato che il nostro paese è l'unico a registrare crescita negativa ininterrottamente fin da tutto il 2012. La Commissione UE ha denunciato che nello Stivale la produttività è rimasta ferma e l'efficienza degli investimenti è bassa. Domani i primi incontri economici comunitari

MILANO - Bce, Ocse e Commissione europea: alla vigilia di Eurogruppo e Ecofin da più parti giungono moniti e segnali di allerta sull'Italia. Su questioni che spaziano dai conti pubblici alla competitività, temi tradizionalmente portanti nelle riunioni che il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan si appresta a presiedere. Domattina a Milano gli incontri inizieranno a livello di area euro, per poi proseguire allargati a ministri e banchieri centrali di tutta l'Ue e continuare anche nella giornata di Sabato.

BCE, OBIETTIVI DEFICIT 2014 A RISCHIO - Al Consiglio Ecofin informale l'agenda può svilupparsi su diversi temi, tra cui la persistente controversia tra chi chiede più flessibilità nella gestione dei conti pubblici e chi invece vuole il mantenimento del massimo rigore. Certo non agevola la mediazione il fatto che la Bce, nel suo ultimo bollettino mensile, ammonisca proprio l'Italia - che ha la presidenza di turno dell'Unione - sul fatto che «permangono rischi sul conseguimento degli obiettivi di deficit 2014», pari al 2,6 per cento del Pil. «Specialmente a causa dell'andamento dell'economia peggiore del previsto». Per questo raccomanda all'Italia di «consolidare ulteriormente la posizione di bilancio», in modo da assicurare l'applicazione del Patto di Stabilità e di crescita riguardo alla riduzione del rapporto debito-Pil.

OCSE, SOLO ITALIA NON CRESCE DA 2012 - Proprio oggi i moniti della Bce hanno trovato indirettamente riscontro nei dati Ocse sulla crescita economica nelle maggiori economie globali. Se per la media del G20 si è verificata un accelerazione nel secondo trimestre, più 0,8 per cento, in un quadro nettamente disomogeneo l'Italia è invece tra i paesi ad aver subito una contrazione, meno 0,2 per cento del Pil. Ma soprattutto è l'unico tra quelli elencati che nel confronto su base annua abbia registrato valori negativi della crescita ininterrottamente fin da tutto il 2012.

COMMISSIONE, POCA PRODUTTIVITÀ ED EFFICIENZA - In questo quadro già non roseo sempre oggi si è aggiunto il rapporto della Commissione europea sulla competitività. La crisi economica che si trascina dal 2007 ha provocato la chiusura di quasi una azienda su cinque nel manifatturiero in Italia (-19%). I settori più colpiti sono stati farmaceutica, tessile, pellame e abbigliamento, mentre nella scheda sulla Penisola l'Ue rileva che l'auto è il settore in cui il potenziale produttivo resta più lontano dai livelli precrisi: 40 per cento in meno. Inoltre Bruxelles denuncia che in Italia la produttività è rimasta ferma anche mentre diminuiva il costo del lavoro. «Malgrado la notevole riduzione dei volumi di produzione, la produttività è rimasta sostanzialmente invariata, il che ha contribuito ad allargare ulteriormente il divario rispetto ai concorrenti più importanti. A causa dei modesti livelli di produttività, nel 2013 i costi unitari del lavoro sono aumentati del 3,9 per cento, nonostante l'aumento del costo orario del lavoro sia rallentato fino all'1,7 per cento». E questo riflette principalmente l'inefficienza nell'allocazione delle risorse. «Invero, il tasso di investimento dell'Italia è paragonabile a quello di altri paesi della zona euro, ma il suo livello di efficienza del capitale è inferiore e in diminuzione».