29 giugno 2017
Aggiornato 05:30
> <
RSS

Luxottica: tutte le deleghe operative a Del Vecchio

Tutte le deleghe operative a Leonardo Del Vecchio. Questa la decisione del cda di Luxottica che si è tenuto ieri. Il consiglio di amministrazione - informa un comunicato diffuso ieri in tarda serata - ha accettato le dimissioni dal consiglio di Enrico Cavatorta per disaccordo sull'attuale governance. Roger Abravanel si dimette dal consiglio per le medesime motivazioni.

Ora Dallas abita a Belluno

Una azienda italiana che primeggia nel mondo viene colpita improvvisamente da una crisi dei vertici. Nel giro di poche settimane se ne vanno sbattendo la porta due manager di altissimo livello. Ma dietro quelli che in termini tecnici si chiamano problemi di governance, spunta una moglie inaspettatamente invadente e una folte prole di figli di primo e di secondo letto.

Del Vecchio: «Invece che un capoazienda ne avrò tre»

«Io sono sempre stato dietro a Guerra, è come prima, invece che avere un capoazienda ne avrò tre». Così il presidente e patron di Luxottica, Leonardo Del Vecchio, ha commentato il nuovo assetto di vertice della multinazionale. Del Vecchio entusiasta di Google Glass, voleva più coinvoglimento. «Non c'è un cambio di strategia» per Luxottica. Lo ha assicurato il nuovo AD, Enrico Cavatorta.

Guerra verso l'addio a Luxottica

Negativa la reazione in Borsa, con il titolo che ha messo a segno la peggior performance tra le blue chip, lasciando sul terreno il 3,6%. Nessun commento da parte di Luxottica alle voci ma, ha ammesso l'azienda, «da tempo» tra Guerra e il presidente, nonchè azionista di riferimento, Leonardo Del Vecchio è in atto un confronto sulle strategie future.

Zaia: «Ha ragione Guerra, le imprese devono investire»

Il Presidente del Veneto: «Uno dei grandi problemi delle nostre aziende è la patrimonializzazione perché se tu quando hai due soldi ti compri la barca, poi ti compri la macchina sportiva, un appartamento al mare e uno in montagna vuol dire che in quell`azienda non ci vanno dentro risorse. E` la base dell`economia. In azienda bisogna reinvestire, capitalizzare».

Leonardo Del Vecchio è il «Paperone 2013» di Piazza Affari

Al secondo posto della graduatoria si conferma la coppia formata da Miuccia Prada e Patrizio Bertelli, la cui quota di controllo di Prada (quotata a Hong Kong) ha avuto un aumento del 27% a 14,5 miliardi. Sul terzo gradino del podio la famiglia Rocca, che l'anno scorso era al comando. Il rientro tra i primi 10 di Berlusconi è dovuto soprattutto alla crescita di Mediaset

> <