22 gennaio 2020
Aggiornato 09:30
Formula 1 | Gran Premio della Malesia

Hamilton provoca Vettel: «Sfrutterò i suoi punti deboli»

Due errori del pilota della Ferrari (la ruotata di Baku e la partenza di Singapore) hanno regalato al rivale della Mercedes 28 punti di vantaggio in classifica generale. E sono proprio i suoi sbagli indotti sotto pressione, secondo Lewis, a rendere Sebastian più vulnerabile: «Possono fare la differenza»

Formula 1 | Video-editoriale per il Diario Motori

Corgnati: E la Mercedes evita un'altra penalità

Dopo la presunta partenza anticipata di Valtteri Bottas, anche l'ostruzione di Lewis Hamilton a Romain Grosjean in qualifica a Silverstone non viene punita dai commissari. La Federazione sta forse risarcendo le Frecce d'argento per non aver applicato la linea dura dopo la ruotata di Baku?

Formula 1

Hamilton e Wolff separati in casa: è colpa di Vettel

Un quotidiano inglese svela il retroscena: Lewis non avrebbe gradito la presenza del suo team principal alla festa per il trentesimo compleanno del rivale Seb (dove i due avrebbero parlato anche di un suo possibile passaggio alla Mercedes). Per questo ha disertato lo show di Londra?

Formula 1 | Gran Premio d'Austria

Vettel-Hamilton, il duello prosegue in conferenza stampa

Lewis sostiene che il suo rivale se la sia cavata a buon mercato e attacca il presidene della Fia, Jean Todt. Seb si difende ricordando che lo stop&go gli è costato la vittoria a Baku e ribadisce le sue scuse. Entrambi, però, ora vogliono solo voltare pagina e pensare al weekend di gara

Formula 1 | Video-editoriale per il Diario Motori

Corgnati: Giusto assolvere Vettel, ma ora pensiamo alla pista

Alcuni sostengono che se la sia cavata troppo a buon mercato, solo pronunciando qualche parola di scusa. Altri ricordano che la sua penalità l'ha già pagata, e se è arrivato davanti a Hamilton è stato per i problemi tecnici dell'inglese. Troppa confusione: è tempo di guardare avanti

Formula 1 | Il caso

Vettel si scusa umilmente: «Hamilton non c'entra, tutta colpa mia»

Per garantirsi l'assoluzione nel colloquio con il presidente della Federazione Jean Todt, il ferrarista ha dovuto scrivere un messaggio in cui si assume ende la responsabilità della ruotata, pubblicato anche sul suo sito personale. E così la sua versione si è ribaltata rispetto a quanto aveva dichiarato a caldo

Formula 1 | Il caso

A Vettel arriva il più bel regalo di compleanno: Todt lo grazia per la ruotata

Proprio nel giorno in cui compie 30 anni, Seb esce indenne dall'incontro con il presidente della Federazione a Parigi, dove è finito alla sbarra per il fallo di reazione di Baku. Gli è bastato assumersi la colpa e promettere di non ripeterlo più per farla franca e restare in corsa per il Mondiale

Formula 1 | Il caso

Vettel, compleanno col brivido: oggi si gioca il Mondiale e il futuro in Ferrari

Proprio nel giorno in cui compie trent'anni, Seb incontra il presidente della Federazione Jean Todt, che potrebbe stangarlo per la ruotata ad Hamilton. Il ferrarista rischia la sospensione per una gara, potenzialmente fatale per il campionato. E, forse, addirittura per la sua permanenza a Maranello...

Formula 1 | Il caso

La ruotata di Vettel divide il mondo dei motori. E pure Valentino Rossi lo difende

È stato l'intervento diretto del presidente della Federazione Jean Todt, che ha messo il suo impegno per la sicurezza davanti al suo amore per la Ferrari, a riaprire l'inchiesta e la polemica. Ma i commissari di gara e i suoi colleghi piloti sostengono che il campione tedesco sia stato già punito a sufficienza

Formula 1 | Il caso

Sulla ruotata di Vettel interviene la Federazione: riaperta l'indagine

La Fia ha convocato per il prossimo lunedì 3 luglio (ironia della sorte, proprio il giorno del trentesimo compleanno di Seb) un'udienza per stabilire se la penalità inflitta dai commissari al pilota della Ferrari per la sua sportellata ad Hamilton durante il GP dell'Azerbaigian sia stata sufficiente

Formula 1

Corgnati: Viva Sebastian Vettel, abbasso i piloti robot

Basta con il falso buonismo che ha caratterizzato finora la rivalità tra il ferrarista e Lewis Hamilton. La nostra passione per lo sport, e per la F1 in particolare, è sempre stata accesa dagli epici scontri tra Senna e Prost o Schumacher e Villeneuve. E questa stagione ce ne sta regalando un altro

Formula 1 | Il caso

Sebastian Vettel, basta colpi di testa: ora rischi la squalifica

Il pilota della Ferrari non si può permettere altri falli di reazione come quello di domenica a Baku: nel prossimo GP in Austria, infatti, sarà sotto la lente d'ingrandimento dei commissari. Sulla sua patente sportiva gli restano solo altri tre punti: se perdesse anche quelli, dovrebbe saltare una gara

Formula 1 | La polemica

Perfino la Mercedes difende Vettel: «Non l'ha fatto apposta»

Nella guerra verbale scatenatasi dopo la ruotata di Seb a Lewis Hamilton si schierano anche le rispettive squadre. E clamorosamente il team principal delle Frecce d'argento, Toto Wolff, non prende le parti del suo pilota: «Il ferrarista ha commesso un errore di valutazione, non si è scontrato di proposito»

Non si fermano i veleni tra i piloti di Ferrari e Mercedes

Dopo l'autoscontro di Baku, Hamilton dichiara guerra a Vettel

Sebastian gli tende la mano: «Lo chiamerò, anche se per me non c'è molto da chiarire». Lewis continua a piagnucolare: «Non ha il mio numero, e comunque lo distruggerò in pista». La ruotata durante il Gran Premio dell'Azerbaigian azzera i rapporti tra i duellanti per il Mondiale di Formula 1

Il video-editoriale per il Diario Motori

Minardi: Vettel ha fatto una cosa grave, ma pure Hamilton andava punito

Il fondatore dell'omonimo team critica aspramente la gestione dei commissari nel caso chiave del Gran Premio dell'Azerbaigian: giusta ma tardiva la penalizzazione a Sebastian, eppure anche Lewis era colpevole di non aver rispettato le regole dietro la safety car, e l'ha fatta franca

L'intervista raccolta dai microfoni di Sky Sport

Arrivabene sbotta con i commissari: «Siamo in F1 o al Colosseo?»

Il team principal della Ferrari critica aspramente la gestione della gara, dal contatto alla partenza tra Valtteri Bottas e Kimi Raikkonen fino al tamponamento di Sebastian Vettel a Lewis Hamilton, che ha dato la stura alla successiva ruotata costata una penalizzazione al campione tedesco

Il pilota Ferrari ora ha 14 punti di vantaggio su quello Mercedes

Vettel-Hamilton, la rissa esplode con una ruotata: «Disonorato», «Sii uomo»

Fino ad ora avevano fatto finta di rispettarsi: ma, nel GP di Baku, tra i rivali del Mondiale di F1 è scoppiata la guerra. Lewis provoca un tamponamento dietro la safety car, Seb lo affianca e lo sperona, poi viene penalizzato. E anche fuori pista volano parole grosse