23 novembre 2020
Aggiornato 18:00
Calciomercato

Milan-Ibrahimovic: la grande paura

Il fuoriclasse svedese resta il sogno del calciomercato invernale dei rossoneri che, in attesa della risposta definitiva, sperano e tremano

Zlatan Ibrahimovic: il Milan attende trepidante il suo ritorno
Zlatan Ibrahimovic: il Milan attende trepidante il suo ritorno ANSA

Il nome di Zlatan Ibrahimovic rimane accostato al Milan in vista della sessione di gennaio del calciomercato, con i tifosi milanisti che sognano il grande ritorno dello svedese che entro pochi giorni dovrà dare al club rossonero la sua risposta finale all'offerta ricevuta, ovvero 18 mesi di contratto con stipendio di 6 milioni di euro (3 da gennaio a giugno, 4 la prossima stagione). Ibrahimovic forse ha deciso, forse no, di certo la sua comunicazione arriverà entro il 15 dicembre, vale a dire entro pochissimo e l'intero popolo milanista vive di speranze, sogni ma anche di ansie e paure, dopo anni nei quali il ritorno del campione è stato paventato ma mai concretizzato.

Perplessità

La recente intervista rilasciata da Mino Raiola alla Gazzetta dello Sport non ha fugato i dubbi circa il futuro prossimo del fuoriclasse svedese, conteso dal già citato Milan, dal Bologna e dal Napoli. E proprio dai partenopei sembrano arrivare le insidie maggiori per i rossoneri: il Bologna, infatti, nonostante la profonda stima e la grande amicizia fra Ibrahimovic e Sinisa Mihajlovic, appare la destinazione meno probabile per il centravanti scandinavo, allettato molto di più dal ritorno a Milano e al Milan che lasciò mal volentieri a luglio del 2012, o dall'approdo a Napoli con la possibilità di giocare la Coppa dei Campioni e di ritrovare Carlo Ancelotti, tecnico col quale si è trovato benissimo ai tempi del Paris Saint Germain.

Percentuali

I tifosi milanisti temono nelle ultime ore il rilancio e la rimonta del Napoli che silenziosamente ma con decisione sta provando a convincere Ibrahimovic a scegliere la soluzione campana, facendo leva sulla maggior competitività della compagine azzurra, sul già citato Ancelotti e sulla disputa delle coppe europee, oltre che su un ingaggio pari se non maggiore a quello offerto dal Milan. Ad oggi, però, i rossoneri restano in vantaggio essendosi mossi per primi e con estrema decisione sul calciatore, persuaso di tornare a Milano, peraltro città amata e preferita da moglie e figli, elementi da non sottovalutare nella scelta finale. In attesa di conoscere il verdetto finale, il Milan resta favorito con almeno il 60% delle possibilità, il Napoli cerca di ridurre lo svantaggio salendo al 30%, mentre il Bologna resta in ultima fila col restante 10%. Dita incrociate ed occhio ai comunicati: di più davvero i tifosi non possono fare.