15 dicembre 2018
Aggiornato 14:30

Doppio colpo dal Chelsea, ma il Milan brinda ad altre due notizie

Mentre i ragazzi di Gattuso si preparano ad affrontare il Dudelange nel penultimo turno della fase a gironi di Europa League, entrano nel vivo le grandi manovre a Casa Milan in vista del mercato di gennaio

il danese Christensen contrastato da Griezmann in un recente match contro la Francia
il danese Christensen contrastato da Griezmann in un recente match contro la Francia (ANSA)

MILANO - Ha ragione Gattuso a sottolineare l’importanza del match di Europa League contro il Dudelange: «Se non li battiamo siamo fuori». Perchè nell’universo rossonero sembra proprio che l’impegno di domani sera a San Siro contro i lussemburghesi sia un semplice allenamento in vista dei prossimi turni di campionato. E soprattutto in vista del mercato, argomento che tiene banco tra i tifosi del Milan ancor più delle scelte di formazione del tecnico calabrese in vista dell’appuntamento europeo infrasettimanale.
A proposito di mercato, le ultime ore sono state animate da diverse notizie, tutte di una certa rilevanza in ottica rossonera. La prima ci porta dritti dritti a Londra, dove il direttore dell’area tecnica del Milan Leonardo spera di poter prelevare due pezzi pregiati della rosa del Chelsea.

Finalmente Cesc - I protagonisti del nostro approfondimento sono Cesc Fabregas e Andreas Christensen. Il centrocampista spagnolo, obiettivo mai nascosto di almeno tre diverse proprietà del club di via Aldo Rossi, sarebbe l’acquisto ideale per il mercato di gennaio del Milan, grazie alla sua esperienza, al suo carisma e alle sue innegabili qualità. L’ex Barcellona potrebbe finalmente arrivare ad indossare la gloriosa maglia rossonera per un paio di buone ragioni: il suo status di calciatore in scadenza di contratto e la sua voglia di una nuova esperienza professionale, stimolata anche da un non eccessivo utilizzo nel nuovo Chelsea di Maurizio Sarri.

Come Bakayoko - Per il difensore danese vale più o meno lo stesso discorso, con l’unica differenza che Christensen non è in scadenza di contratto e soprattutto ha un valore di mercato di almeno 50 milioni di euro. Però anche lui fatica a trovare spazio in prima squadra e per questo Marina Granovskaia, braccio destro operativo di Abramovich, potrebbe accettare la richiesta di Leonardo di prendere in prestito il classe ’96 con una formula simile a quella utilizzata per Bakayoko. Un’operazione che farebbe comodo a tutti: al Milan che nei prossimi mesi potrebbe così contare su un talento assoluto della difesa (in attesa di riavere un Caldara pienamente recuperato), e al Chelsea che non vedrebbe depauperato il valore del ragazzo, attualmente intristito da 4 mesi passati quasi interamente in panchina.

Paredes-Laxalt - Nel frattempo dal Brasile è arrivata una notizia che avrà fatto felice la dirigenza rossonera: il neo acquisto brasiliano Lucas Paquetà ha anche un passaporto comunitario grazie alle origini della mamma. Questo per Leonardo vuol dire avere ancora due slot liberi per gli extracomunitari da utilizzare per il mercato di gennaio.
La seconda notizia interessante in ottica Milan arriva dalle dichiarazioni rilasciate da Oreste Cinquini, ex direttore sportivo dello Zenit: «In estate abbiamo provato a portare Laxalt al club di San Pietroburgo. Inizialmente non era il nostro primo obiettivo, ci servirà un laterale sinistro e avevamo pensato a Magnússon, che poi è andato al CSKA Mosca. A quel punto abbiamo intavolato la trattativa per Laxalt, ma s'è inserito al Milan».
Ebbene oggi l’ex Genoa, grazie anche al prossimo ritorno in campo di Strinic, non è più un intoccabile a Milanello. Se consideriamo che uno dei principali obiettivi di mercato di Leonardo si chiama Leonardo Paredes e gioca proprio nello Zenit, non è escluso che la dirigenza rossonera possa tentare un’operazione sulla base di uno scambio utile per entrambi i club. Naturalmente con conguaglio a favore dei russi, ma questo è solo un piccolo dettaglio.