18 ottobre 2018
Aggiornato 14:00

Milan, via ai movimenti in uscita: tre difensori con le valigie

Il direttore tecnico Mirabelli ha ribadito che le uniche operazioni a gennaio del Milan saranno in uscita. Soprattutto in difesa la rosa dovrà essere sfoltita.
Luca Antonelli è uno dei tre difensori del Milan in uscita
Luca Antonelli è uno dei tre difensori del Milan in uscita (ANSA)

MILANO - «A gennaio non verrà comprato nessuno, le uniche operazioni saranno in uscita». Le parole di Massimiliano Mirabelli, registrate nel corso di un’intervista nella giornata di ieri, si prestano a pochi fraintendimenti. Sono tanti infatti i calciatori in esubero in casa Milan, soprattutto in difesa, e alcuni di questi - ci si augura - potrebbero presto salutare la comitiva rossonera e dirigersi altrove. 
Il primo della lista è Gustavo Gomez, forse l’unico che potrebbe garantire alle già fin troppo sollecitate casse rossonero una piccola boccata d’ossigeno. Per far questo però la dirigenza di Casa Milan dovrà continuare a fare muro contro il Boca Juniors, che vorrebbe il paraguayano in prestito con diritto di riscatto, e tentare magari di far nascere un’asta tra gli argentini, i brasiliani del Flamengo e l’Udinese.

Le contraddizioni di Paletta
Diverso il caso di Gabriel Paletta, ormai ufficialmente messo alla porta di Milanello, ma ancora fermo sulle sue posizioni intransigenti. Il centrale italo-argentino infatti continua a rifiutare qualsiasi offerta, malgrado le parole del suo agente, Martin Guastadisegno, che aveva assicurato non più tardi di due settimane fa: «Se il club rossonero darà l’ok alla partenza a zero, Paletta ci metterà un minuto a trovare una nuova squadra». 
Sarà, ma intanto sono almeno due sessioni di mercato che Paletta è irremovibile: no alla Lazio, all’Atalanta, no al Genoa, no al Sassuolo. Sarebbe interessante capire quale possa essere il reale obiettivo del difensore rossonero.

Antonelli incerto
E per finire Luca Antonelli. Il mancino classe ’87, cresciuto nel vivaio del Vismara, è entrato nel mirino della Fiorentina, ma anche in questo caso non è ben chiaro quali siano le reali intenzioni del ragazzo. Di sicuro c’è che la proposta dei viola non è sufficiente: un prestito di 18 mesi, quando gli scadrà il contratto e sarà libero di firmare con un’altra squadra, che equivale ad averlo gratis subito. Se Corvino decidesse di alzare la posta il Milan potrebbe sedersi a trattare, ma poi Antonelli accetterà di trasferirsi a Firenze? Nelle prossime due settimane avremo tutte le risposte.