7 dicembre 2021
Aggiornato 03:00
Calciomercato

Cannavaro su Kalinic: a gennaio possibile nuovo tentativo dalla Cina

Non è entrato nel cuore dei tifosi che anzi lo beccano spesso e volentieri per i troppi gol sbagliati fin qui. Il centravanti croato però continua ad avere numerosi estimatori, tra questi l’ex difensore azzurro Cannavaro, attuale tecnico del Guangzhou Evergrande, intenzionato a riprovare l’affondo dopo il tentativo fallito a gennaio.

MILANO - È stato l’ultimo arrivato della trionfale e roboante campagna acquisti estiva del Milan e dopo i primi quattro mesi in rossonero ci si comincia a domandare il perchè di questa operazione. Il protagonista della nostra storia naturalmente è Nikola Kalinic, ormai inviso alla gran parte della tifoseria rossonera per la sua conclamata idiosincrasia con il gol che ne ha fatto il bersaglio principale dell’insofferenza di San Siro. Emblematica la pioggia di fischi che ha accompagnato la sua uscita dal campo al momento della sostituzione voluta da Montella, a certificare un amore mai sbocciato e probabilmente destinato a non sbocciare mai.

Amore mai sbocciato
Le ragioni sono tante, a partire dal fatto che di certo l’attaccante croato non è uno di quelli che ti ruba l’occhio con la giocata geniale, ma il problema fondamentale sta tutto nella scelta di Montella di mettere sempre Kalinic davanti a Cutrone e Andrè Silva, rimediando dall’ex centravanti della Fiorentina la miseria di 3 gol in 14 partite di campionato. 
Se a tutto questo aggiungiamo che per lui sono comunque stati spesi 25 milioni, che stiamo parlando di un calciatore che a gennaio compirà 30 anni e che prima di lui il Milan aveva trattato bomber del calibro di Morata, Belotti, Diego Costa e Pierre-Emerick Aubameyang, è abbastanza chiara la ragione dell’insofferenza tra i tifosi del Milan.

Cannavar ritenta
Ecco quindi che l’indiscrezione che circola da qualche ora, secondo cui Nikola Kalinic sarebbe tornato nel mirino di Fabio Cannavaro, potrebbe restituire il sorriso all’ormai immalinconito popolo milanista. L’ex capitano della nazionale azzurra campione del mondo nel 2006 già lo scorso gennaio aveva tentato l’assalto al centravanti croato. Le parti erano totalmente diverse da quelle che potrebbero sedersi adesso attorno a un tavolo: l’anno scorso Cannavaro allenava il Tianjin Quanjian e Kalinic giocava nella Fiorentina; adesso il tecnico è sulla panchina del Guangzhou Evergrande e l’attaccante indossa la maglia numero 7 del Milan.
Chissà che questo nuovo scenario non possa capovolgere l’esito della trattativa: almeno i tifosi rossoneri ne sarebbero contenti. Magari  bisognerebbe chiedere prima un parere a Rino Gattuso.