20 settembre 2019
Aggiornato 18:30

Milan, Montella rilancia l’attacco baby

La soluzione scelta dall’allenatore rossonero per ridare serenità all’ambiente in vista dell’appuntamento di Europa League con il Rijeka è una rivoluzione soft. La parte del leone toccherà ai due giovani attaccanti Cutrone e Silva, rilanciati dal primo minuto. Anche Locatelli tra i titolari contro i croati.

Silva e Calhanoglu, entrambi titolari questa sera contro il Rijeka
Silva e Calhanoglu, entrambi titolari questa sera contro il Rijeka ANSA

MILANO - La matematica è un’opinione, a volta: 6 + 3 fa 9, ma al Milan 63 (il numero di maglia di Patrick Cutrone) + 9 (quello di Andrè Silva) fa ancora 9, come i gol segnati dai due giovani attaccanti rossoneri in questo iniziale scorcio di stagione. I due bambini prodigio in forza al Milan (40 anni in 2) tornano a giocare insieme da titolari questa sera, invocati da Vincenzo Montella per scardinare questa sera la difesa dei croati del Rijeka, nella seconda giornata di Europa League
La prima uscita portò bene, almeno dal punto di vista del risultato, un successo in trasferta sul campo del Fudbalski Klub Škendija per 1-0 con gol del classe ’98 cresciuto a Milanello, su assist dell’altro prodigioso virgulto allevato al centro tecnico del Vismara, Manuel Locatelli.

Ancora insieme
Stasera, alle ore 21.00, Cutrone e Andrè Silva proveranno a riprendersi la scena, momentaneamente invasa dall’ingombrante Nikola Kalinic, con l’obiettivo di mettersi in luce e sperare di essere scelti dall’allenatore rossonero anche per i due più probanti impegni che il Milan sarà costretto ad affrontare in campionato nelle prossime due giornate: domenica 1 ottobre la Roma e a seguire il derby con l’Inter il 15, dopo la sosta dedicata alle nazionali.

Duplice obiettivo
Intanto però c’è da portare a casa il successo in Europa League contro il HNK Rijeka, fondamentale per almeno un paio di ottime ragioni. Innanzitutto blindare il primo posto nel girone che potrebbe garantire un sorteggio più abbordabile nella prossima fase, e poi silenziare almeno momentaneamente tutte le polemiche scatenate dopo l’inattesa e francamente inopinata sconfitta subita dai rossoneri per mano della Sampdoria.

La formazione
Per raggiungere questo obiettivo, tutt’altro che impossibile visto il reale valore tecnico degli avversari croati, mister Montella ha deciso di puntare ad una rivoluzione soft, lasciando a casa Biglia e Zapata, nemmeno convocati, e far rifiatare in panchina Suso, Bonaventura e Ricardo Rodriguez.
Davanti al sempre presente Donnarumma, il Milan scenderà in campo con una linea a 3 formata da Musacchio, Bonucci e Romagnoli; i 5 in linea a metà campo saranno Abate, Kessiè, Locatelli, Calhanoglu e Borini (nell’inedita posizione di esterno di centrocampo); e davanti, come detto, i due giovani fenomeni Cutrone e Andrè Silva.