19 giugno 2019
Aggiornato 15:30

Lazio-Milan, sfida tra bomber in chiave Europa

Alla vigilia del big match della terza giornata di campionato spunta anche un clamoroso retroscena di mercato: Fassone e Mirabelli, oltre a Biglia e Keita, hanno provato a chiedere al presidente Lotito anche Ciro Immobile. Oggi il centravanti della nazionale avrà di fronte il collega dell’Under 21 Patrick Cutrone.

Il centravanti della Lazio Ciro Immobile
Il centravanti della Lazio Ciro Immobile ( ANSA )

MILANO - Da molti è stata definita come una partita chiave nella corsa all’Europa che conta, la Champions League, anche se, arrivati alla terza giornata di campionato, appare oggettivamente complicato ammantare la sfida dell’Olimpico tra Lazio e Milan di contorni che vadano al di là dei semplici 3 punti.
Più che un prima schermaglia di quella che potrebbe essere una lotta senza esclusione di colpi per il quarto posto, quella tra biancocelesti e rossoneri - ad oggi - sembra piuttosto una sfida tra bomber.

Bomber azzurri
A guidare i rispettivi attacchi infatti ci sono i due centravanti dell’Italia: da una parte Ciro Immobile, punta della Nazionale maggiore di Ventura, capace di mettere a segno il gol decisivo per il conseguimento del tanto agognato playoff in ottica Mondiali di Russia 2018; dall’altra Patrick Cutrone, autentica rivelazione di questo scorcio di stagione e autore già di ben 5 reti in 7 gare ufficiali disputate con la maglia del Milan e dell’Under 21 del ct Di Biagio.

Esordio in Europa
Dall’estro dei due attaccanti potrebbe dipendere l’esito della sfida che indubbiamente catalizzerà l’attenzione di tutti gli addetti ai lavori, anche in ottica continentale, visto che dopo appena 4 giorni entrambe le formazioni faranno il loro rispettivo esordio in Europa League, la Lazio in trasferta con gli olandesi del Vitesse, il Milan a Vienna contro l’Austria.

Passione rossonera
Tornando invece alla sfida tra bomber, ha destato curiosità l’indiscrezione svelata questa mattina dal Corriere dello Sport secondo cui proprio Ciro Immobile sarebbe stato un obiettivo del Milan nella recente campagna acquisti. Secondo il quotidiano romano «il retroscena risale all’inizio di giugno, quando il Milan avviò la trattativa per Biglia e Keita».
Si racconta di una passione mai nascosta dell’ad rossonero Fassone per il centravanti biancoceleste fin da quando l’ex granata segnava gol a raffica negli Allievi del Sorrento. Ebbene pare che Immobile sia stato in cima alla «potenziale lista degli obiettivi per l’attacco, in seconda fila soltanto rispetto ad Aubameyang, suo compagno ai tempi del Borussia Dortmund. Trattativa mai nata, un semplice sondaggio. Non si poteva fare e non c’è stata la minima possibilità di cominciarne a parlare. Un muro Lotito. Disse a Fassone e Mirabelli che neppure avrebbe voluto ascoltare una possibile offerta».