19 luglio 2024
Aggiornato 01:00
MotoGP | Mercato piloti

Dalla Spagna la pazza idea sul futuro di Lorenzo (che non piace a Rossi)

I rapporti tra Jorge e la Ducati si sono già logorati in mezza stagione, per colpa dei suoi risultati deludenti. Così, una testata iberica lancia una clamorosa ipotesi per il 2019: Por Fuera alla Honda al posto di Dani Pedrosa. La casa di Tokyo ci provò già l'anno scorso, ma fu Marc Marquez a dire di no

ROMA – Non è un mistero per nessuno che la luna di miele tra Jorge Lorenzo e la Ducati abbia presto cominciato a prendere una brutta piega. «Diamogli tempo», era il mantra nei primi Gran Premi: eppure, anche ora che è andata in archivio la sua prima metà di stagione in rosso, i risultati del campione maiorchino in sella alla Desmosedici continuano ad apparire quantomeno deludenti. Nemmeno a Borgo Panigale speravano che il cinque volte iridato potesse lottare per il Mondiale immediatamente dopo il suo cambio di casacca. Ma che salisse più spesso sul podio, almeno questo sì: invece finora tutto quello che ha portato a casa è un misero terzo posto, mentre il suo compagno di squadra Andrea Dovizioso ha già conquistato due vittorie e si trova addirittura in corsa per il titolo. In questa situazione, diventa davvero difficile per il direttore generale del reparto corse, Gigi Dall'Igna, convincere il consiglio di amministrazione che il massiccio investimento da dodici milioni all'anno messo sul piatto per assicurarsi i servigi del cinque volte iridato sia ancora giustificabile. Tradotto: di licenziamento anticipato non si parla, ma se non dovesse in fretta arrivare la svolta, è improbabile che la casa italiana decida di rinnovargli il contratto oltre il 2018.

In cerca di un'alternativa
Uno scenario che apre un quesito fondamentale in ottica mercato piloti: che fine farà Jorge Lorenzo tra due anni? La strada che lo riporterebbe in Yamaha è sbarrata: il suo sostituto Maverick Vinales si sta infatti dimostrando non solo più giovane, ma almeno veloce quanto lui, dunque per il marchio di Iwata sembra l'uomo perfetto su cui puntare per il futuro a lungo termine. L'unica altra moto realmente vincente a sua disposizione, insomma, sembra la Honda. Immaginate per un momento una coppia costituita da Marc Marquez e Jorge Lorenzo in sella alla moto di Tokyo: per i giapponesi sarebbe un dream team, per Valentino Rossi un «nightmare», un incubo. E non solo perché i due sodali del famigerato biscotto si ritroverebbero riuniti sotto allo stesso tetto, ma soprattutto perché formerebbero una squadra quasi invincibile, che ridurrebbe di molto le sue chance di inseguire il decimo Mondiale (sempre che non se lo aggiudichi prima di quella data...).

La bomba degli spagnoli
Fantamercato? Forse. Follia? Non del tutto. Proprio questa ipotesi, infatti, è stata avanzata dalla testata spagnola Diario Gol. Che rivela come, già ai tempi in cui manifestò la sua volontà di lasciare la Yamaha, Jorge Lorenzo fu avvicinato dalla Honda, che gli mise sul piatto un'offerta importante. In quell'occasione, però, fu proprio Marquez a porre il veto sull'affare, ritenendo troppo rischiosa l'idea di portarsi in casa un compagno così scomodo, e preferendogli invece il suo attuale fido scudiero Dani Pedrosa. Magic Marc, nel frattempo, non avrebbe cambiato idea, ma la sua casa madre continua a stimare Por Fuera, nonostante le recenti difficoltà emerse in sella alla Ducati. E stavolta, ritrovandoselo nuovamente disponibile sul mercato, potrebbe convincersi davvero a non farsi sfuggire di nuovo l'occasione.