14 dicembre 2019
Aggiornato 00:00

Under 21: troppa Spagna per la giovine Italia

Una tripletta di Saul Niguez, fenomeno iberico dell’Atletico Madrid, condanna gli azzurrini di Di Biagio ad una sconfitta messa abbondantemente in preventivo. A pesare sul risultato finale l’espulsione di Gagliardini e la prova incolore di Gigio Donnarumma.

Gagliardini tenta di contrastare Saul
Gagliardini tenta di contrastare Saul ANSA

MILANO - Niente da fare, malgrado i buoni propositi, gli azzurrini di mister Di Biagio non sono riusciti a capovolgere un pronostico che li vedeva nettamente inferiori rispetto agli avversari iberici. Così la Spagna, ancora una volta come quattro anni fa a Gerusalemme, frena le ambizioni della giovane Italia caduta sotto i colpi di un cecchino micidiale, Saul, che firma la sua personale tripletta e chiude gli ultimi 90' degli Azzurrini 3-1. La finale è Germania-Spagna, l'Italia è fuori dall'Europeo. A testa alta, come ha sottolineato a fine gara il presidente della FIGC Carlo Tavecchio: «Dispiace non essere arrivati in finale, ma questo gruppo ha comunque dimostrato sul campo di avere un grande futuro. Usciamo sì, ma a testa alta». 

Illusione Bernardeschi
Negli spogliatoi tanta delusione. Il presidente parla alla squadra: «Oggi siamo tristi - queste le sue parole - ma siate consapevoli che questa è una tappa importante del vostro percorso di crescita. Questa sconfitta vi renderà ancora più forti». E' stato buono il primo tempo dell'Italia, meno la ripresa, ripercorrendo un canovaccio che ai tifosi juventini avrà tristemente ricordato la notte di Cardiff al cospetto del Real Madrid. Forse poco cinica la squadra di Di Biagio, ma a pesare sul risultato finale è stata l'espulsione di Gagliardini al 13' del secondo tempo sull'1-0. Seppure in inferiorità numerica, l'Under riapre la partita con Bernardeschi, poi la Spagna in undici gioca sul velluto e affonda i colpi. L'Italia si presenta dopo 3' con un destro di Chiesa, parato a terra da Kepa. Poi tocca alla Spagna che al 10' colpisce la traversa e al 19' impegna Donnarumma con un destro a girare di Deulofeu.

Hattrick Saul
Nella ripresa dopo 8' la Spagna passa, colpendo con grande freddezza: ottimo inserimento di Dani Ceballos che finta il tiro per Saul libero di spedire in rete un gran sinistro. Momento difficile per la giovane Italia che subisce una doppia doccia fredda: dopo lo svantaggio, al 13' gli Azzurrini restano in dieci per l'espulsione di Gagliardini punito dall'arbitro Celades con il secondo cartellino giallo. Al 17', Bernardeschi riapre la partita: grande giocata dell'attaccante della Fiorentina che porta a spasso Jonny e realizza di sinistro l'1-1. L'esultanza azzurra dura poco: al 19' infatti, è ancora Saul protagonista con un tiro forte e teso da lontano che, complice Donnarumma, porta di nuovo in vantaggio la sua squadra. E' la serata di Saul che al 29' firma la sua tripletta, sfruttando un prezioso suggerimento di Asensio. Partita finita, a questo punto. Di Biagio ringrazia tutti, ma la delusione è palpabile: «Un buon primo tempo - sottolinea il tecnico - nella ripresa loro hanno preso il sopravvento, ed è chiaro che l'espulsione ha influito. Con un uomo in più tutto è stato più semplice per la Spagna. I ragazzi sono stati fantastici. Rimpianti? Zero. Abbiamo centrato il nostro obiettivo che era quello di rilanciare il calcio italiano, è mancata solo la ciliegina sulla torta».