5 giugno 2020
Aggiornato 15:00
Inizia il weekend di gara della MotoGP a Barcellona

Asfalto ancora umido, Marquez davanti. E Miller sbaglia strada...

Una sessione davvero sui generis, la prima di prove libere del Gran Premio di Catalogna. I big aspettano a lungo di entrare in pista perché le condizioni non sono favorevoli, e alla fine comandano le Honda. Ma la vera sorpresa è l'australiano, che non si ricorda che il tracciato è cambiato

Jack Miller in azione sulla sua Honda satellite
Jack Miller in azione sulla sua Honda satellite Michelin

BARCELLONA – La Honda comanda una prima sessione di prove libere del Gran Premio di Catalogna poco significativa, perché iniziata su una pista ancora umida dalla pioggerellina caduta nella notte. Marc Marquez stacca il miglior tempo in 1:45.875, unico pilota a scendere sotto il muro dell'1:46, subito davanti al suo compagno di marca satellite Cal Crutchlow, staccato di tre decimi. Andrea Dovizioso inserisce la sua Ducati al terzo posto, davanti all'altra moto di Tokyo, quella di Dani Pedrosa, quarto. La prima Yamaha è quella privata di Jonas Folger, quinto davanti all'ufficiale Maverick Vinales, staccato di nove decimi. Male Jorge Lorenzo (tredicesimo), Andrea Iannone (quattordicesimo) e Valentino Rossi (diciassettesimo a quasi tre secondi). Chi non sembra avere capito subito le modifiche al tracciato, invece, è Jack Miller, che nei suoi primi giri ha continuato a compiere la vecchia chicane, vedendosi sistematicamente cancellare i tempi fino a quando la direzione gara non lo ha fermato con la bandiera nera: una volta che il responsabile della sicurezza Loris Capirossi ha chiarito l'equivoco, l'australiano della Honda è tornato in pista chiudendo dodicesimo.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal