19 ottobre 2019
Aggiornato 15:00

Milan: via al restyling in attacco con il francese del Celtic Dembélé

Grandi manovre in attacco per il club di via Aldo Rossi. Si lavora per un grande bomber (Morata o Belotti), ma non solo: oggi è venuto fuori il nome di Moussa Dembélé, centravanti del Celtic, ma filtrano indiscrezioni secondo cui il Milan sarebbe molto vicino ad un altro attaccante francese di cui ancora non si è parlato.

L'attaccante francese Moussa Dembele
L'attaccante francese Moussa Dembele ANSA

MILANO - Erano giorni che un uccellino, tanto dispettoso quanto esperto di questioni di calciomercato, mi sussurava all’orecchio un’indiscrezione stuzzicante: «Il Milan è molto vicino ad un attaccante francese finora mai venuto fuori, ma di cui ancora non è possibile rivelare l’identità».

Quando nel corso della scoppiettante mattinata di oggi il nome di Moussa Dembélé, centravanti giovalissimo in forza al Celtic, ha riempito le cronache rossonere è stato semplice fare uno più uno: ecco chi è il profilo sulle cui tracce si stavano muovendo in maniera circospetta Fassone e Mirabelli.



Dembele, stagione da record

Ebbene, fermo restando che il classe 1996 transalpino, capace di giocare sia da punta centrale che da attaccante esterno e protagonista di una stagione sontuosa con la maglia biancoverde del Celtic (32 gol complessivi in 49 partite, di cui 17 realizzati in Premiership e addirittura 3 in Champions League), è realmente entrato nei radar della dirigenza rossonera, intenzionata a portare a Milanello un profilo giovane oltre al bomber di peso che arriverà a prescindere, non è lui l’uomo di cui l’uccellino dispettoso continua a parlarmi.



Ma non finisce qui

Questo vuol dire che Fassone e Mirabelli stanno lavorando sotto traccia per un altro colpo in chiave offensiva, a dimostrazione che dell’attuale batteria di punte in forza al Milan (Bacca, Lapadula, lo stesso Niang che sta per tornare dal Watford) non resterà nessuno. 
E allora consoliamoci con la grinta e l’efficacia sotto porta di Moussa Dembélé, fantastichiamo sulle indiscutibili doti realizzative di Morata o Belotti, disegniamo tridenti scintillanti magari anche con Keita, ma teniamoci pronti. Il mercato in attacco del Milan potrebbe riservare ancora una piacevolissima sorpresa.