14 giugno 2021
Aggiornato 10:30
Partito democratico

Orlando: «Non riesco a dire che Casini è un buon candidato»

Il ministro di Giustizia: «Sulla composizione delle liste c`è stato uno scontro, tra fedeltà e pluralismo.La scissione non è la strada da seguire»

ROMA - «La scissione non è la strada da seguire, si deve guardare avanti», ma una discussione profonda nel partito il giorno dopo il voto quella sì, sarà necessaria per salvaguardare «la vita democratica interna del Pd, unica e importante»: così Andrea Orlando, ministro della Giustizia e capofila della minoranza Pd, in una intervista alla Stampa.

Sulla composizione delle liste c'è stato uno scontro, tra fedeltà e pluralismo
«La questione è che sulla composizione delle liste c'è stato uno scontro, tra fedeltà e pluralismo. A mio avviso nell'interesse del partito si doveva tenere più conto del pluralismo», afferma orlando.