In circolazione da oggi

La nuova banconota da 50 euro? Ecco a cosa serve davvero (ma la Bce non ve lo dirà mai)

E' arrivata la nuova banconota da 50 euro e ha già iniziato a circolare. Il contante resta lo strumento di pagamento più utilizzato e sono in arrivo anche le nuove banconote da 100 e 200 euro

ROMA - E' arrivata la nuova banconota da 50 euro. Ci dicono che è dotata di caratteristiche di sicurezza più avanzate ed è più efficacemente protetta dalla falsificazione. Il nuovo biglietto è munito del ritratto di Europa e del numero verde smeraldo. Ma sarà proprio più sicura?

Il contante è lo strumento di pagamento più utilizzato
Il contante resta lo strumento utilizzato per la maggior parte dei pagamenti presso i punti di vendita. «Anche nell'era digitale il contante resta essenziale per la nostra economia», ha commentato il presidente Mario Draghi. Da un'indagine svolta per conto della Bce sull'uso del contante, emerge che oltre tre quarti dei pagamenti effettuati presso i punti di vendita nell'area dell'euro avvengono per contanti. In termini di valore delle operazioni, ciò equivale a leggermente più della metà. E fra le banconote in euro quella da 50 euro è la più diffusamente utilizzata (oltre 9 miliardi di esemplari in circolazione, il 46% di tutte le banconote in euro).

La nuova banconota da 50 euro
La nuova banconota da 50 euro, quarto taglio della serie «Europa», «consente di compiere un ulteriore passo avanti verso una ancor più efficace protezione delle banconote in euro dalla falsificazione». Le caratteristiche di sicurezza del nuovo biglietto includono anche una finestra con ritratto nella parte superiore dell'ologramma, che diventa trasparente se vista in controluce. La finestra rivela pure, su entrambi i lati della banconota, il ritratto di Europa, figura della mitologia greca. La stessa effigie compare anche nella filigrana, così come il numero verde smeraldo, che, muovendo il biglietto, produce l'effetto di una luce che si sposta in senso verticale. La banconota presenta anche elementi stampati in rilievo per le persone con problemi visivi. Fantastico... ma siamo davvero sicuri che la nuova banconota sia stata realizzata solo allo scopo di contrastare i falsari?

Arrivano anche le nuove banconote da 100 e 200 euro
Nuove banconote da 100 euro e 200 euro sono in arrivo all'inizio del 2019. Mentre i biglietti da 50 euro della prima serie continueranno ad avere corso legale e a essere utilizzati insieme a quelli della nuova serie solo per un breve lasso di tempo, poi procederà gradualmente il loro ritiro dalla circolazione. Lo stesso era già accaduto – ricordate? - per le vecchie banconote da 10 euro e 20 euro, ormai del tutto ritirate dal mercato. Ed eccoci arrivati al punto. Le nuove banconote in euro non vengono emesse dalla Bce (solo) allo scopo di combattere la contraffazione (sappiamo benissimo che per i falsari aggiornare la produzione di soldi finti è solo una questione di tempo), ma soprattutto per costringere i cittadini comunitari a tirar fuori le loro vecchie banconote nascoste sotto il materasso per andarle a cambiare con quelle nuove.

Cosa si nasconde dietro la mossa della Bce
La vera battaglia intrapresa da Mario Draghi è quella contro il denaro occulto, sottratto ai canali ufficiali dell'economia. Non sono pochi, infatti, i cittadini europei che – non fidandosi più delle banche – hanno scelto di metter via i risparmi, magari nascondendoli sotto il materasso o in cassette di sicurezza, evitando di dichiararli al fisco. L'euro, come l'oro, è considerato un bene rifugio e perciò viene spesso conservato di nascosto. La mossa della Bce costringerà, ancora una volta, i cittadini europei a tirar fuori i soldi dal materasso per cercare di convertire le banconote. Ma poiché in molti temeranno il Fisco al momento di rimetterle in circolazione, è plausibile credere che una parte di quel denaro diventerà per sempre carta straccia. Evidentemente, a (stra)vincere a mani basse sarà solo la Banca centrale europea.