15 dicembre 2019
Aggiornato 11:30

Picierno (Pd): Camusso? Eletta con tessere false

«Sono rimasta molto turbata dalle parole di Camusso che dice oggi a qualche giornale che Renzi è al governo per i poteri forti. Potrei ricordare che la Camusso è eletta con tessere false o che la piazza è stata riempita con pullman pagati, ma non lo farò». Lo ha detto Pina Picierno, eurodeputata del Pd, questa mattina ad Agorà, su Rai Tre.

ROMA - «Sono rimasta molto turbata dalle parole di Camusso che dice oggi a qualche giornale che Renzi è al governo per i poteri forti. Potrei ricordare che la Camusso è eletta con tessere false o che la piazza è stata riempita con pullman pagati, ma non lo farò». Lo ha detto Pina Picierno, eurodeputata del Pd, questa mattina ad Agorà, su Rai Tre. Scatenando naturalmente le reazioni dei sindacati e del suo partito.

CAMUSSO? ELETTA CON VOTI FALSI - «Non era mia intenzione lanciare accuse. Se le mie affermazioni hanno dato questa impressione, mi dispiace. Rispetto il sindacato e il popolo della piazza, ma altrettanto rispetto chiedo nei confronti di chi pensa che la sinistra sia cambiamento e riforme e anche nei confronti dell'attuale governo a cui è stata data la fiducia dal Parlamento. E non certo dai 'poteri forti'». Così l'eurodeputata del Pd Pina Picierno precisa il suo pensiero dopo il botta e risposta con la Cgil. L'esponente dem ad Agorà ha parlato di «tessere false» per eleggere la Camusso e di «pullman pagati» per riempire la piazza della contestazione di sabato.

CGIL: SIAMO INDIGNATI - «Siamo indignati per le parole dell'eurodeputata del Pd, Pina Picierno. Potremmo dire che l'on. Picierno dice delle falsità e delle sciocchezze, forse figlie di una fase di nervosismo e di tensioni, essendo il tesseramento della Cgil certificato». Così la Cgil replica a Pina Picierno che ha detto che la Camusso è stata eletta segretario generale della Cgil con tessere false. «Potremmo dire - continua la nota della Cgil - che non ha argomenti di merito e poco rispetto per le centinaia di migliaia di persone che, con grande voglia di partecipazione, hanno dato vita alla straordinaria manifestazione di sabato scorso. Potremmo, ad esempio, parlare delle primarie in Campania. Potremmo dire tutto questo e altro ancora ma, come si usa adesso, non lo faremo».

GUERINI (PD): PICIERNO NON VOLEVA OFFENDERE NESSUNO - Pina Picierno «non voleva offendere nessuno», «noi abbiamo grande rispetto» per la Cgil, a loro «chiediamo uguale rispetto» per il governo. Il vicesegretario del Pd, Lorenzo Guerini, interviene nella polemica scatenata dalle parole della deputata Pd che ha parlato di «tessere false» nell'elezione della leader Cgil Camusso. «Siamo sicuri - dice Guerini - che Pina Picierno non voleva offendere nessuno, può capitare nel corso di dibattiti accesi, di dire parole eccessive. Noi abbiamo grande rispetto per un importante realtà sindacale come la Cgil e per le persone che manifestano in piazza le loro opinioni. Dopo di che - prosegue - invitiamo tutti alla misura delle parole e così come noi rispettiamo e riconosciamo i processi decisionali altrui, allo stesso tempo chiediamo uguale rispetto per il percorso democratico degli organismi del nostro partito. Anche evocare i 'poteri forti' è eccessivo, e in questo caso sicuramente sbagliato. Questo governo è nato per volontà del Pd e sta lavorando nell'interesse di tutti i cittadini, nel pieno della sua legittimazione e con un vastissimo consenso popolare, come si è visto alle ultime elezioni europee».

ORFINI (PD): RENZI A PALAZZO CHIGI LO HA MESSO IL PD - Anche i colleghi dem di Pina Picierno fanno eco alle sue parole: «Cara Susanna Camusso, Matteo Renzi a Palazzo Chigi lo ha messo il Pd, decidendolo in direzione. E non ricordo festeggiamenti dei 'poteri forti'». Lo scrive su Twitter il presidente del Pd, Matteo Orfini.