Lacrime e sangue

Grecia, Tsipras approva nuove misure di austerità in vista dell'Eurogruppo: possibile accordo in vista

La prossima settimana tornerà a riunirsi l'Eurogruppo e sembra che i paesi dell'eurozona siano vicini al raggiungimento di un accordo che consentirebbe alla Grecia di tornare sui mercati obbligazionari

Il premier greco, Alexis Tsipras.
Il premier greco, Alexis Tsipras. (ANSA/STEPHANIE LECOCQ)

ATENE - La crisi greca sarà di nuovo in cima all'agenda dell'Eurogruppo, che tornerà a riunirsi lunedì 22 maggio. Il governo di Alexis Tsipras ha approvato nuove misure di austerità, ma la contesa tra Berlino e il Fondo monetario internazionale sul programma di salvataggio del paese è ancora aperta. Il debito pubblico ateniese alla fine dello scorso anno rappresentava il 179% del Pil nazionale e il FMI chiede che venga alleggerito, ma l'intransigente Germania si oppone. Ulteriori concessioni da parte di Angela Merkel sarebbero impopolari tra gli elettori che sono chiamati alle urne per le prossime elezioni politiche di settembre. Ma secondo alcune fonti, i paesi dell'area euro sarebbero vicini a raggiungere un compromesso, il che permetterebbe un accordo globale tale da consente alla Grecia di tornare sui mercati obbligazionari nel 2018. Lunedì i ministri finanziari dell'Unione valutaria saranno impegnati innanzitutto a ratificare il nuovo accordo tecnico tra Atene e "le istituzioni" - la ex Troika di Commissione europea, Banca centrale europea, Meccanismo europeo di stabilità e Fondo monetario internazionale - su una nuova serie di riforme politiche nel contesto del programma di aggiustamento economico finanziato dal piano di aiuti.

Nuovo pacchetto di «alleggerimento» in vista
L'accordo, secondo quanto recita un comunicato, costituisce una delle tappe verso il completamento del secondo riesame del programma attualmente in corso e apre la via alla prossima erogazione di assistenza finanziaria alla Grecia da parte del Meccanismo europeo di stabilità. Ma soprattutto l'Eurogruppo discuterà della sostenibilità del debito pubblico del paese e in particolare della possibilità di concordare un nuovo pacchetto di «alleggerimento» a beneficio di Atene, che tuttavia rappresenta un elemento chiave anche per l'eventuale ritorno del Fmi a contribuire agli aiuti.

Focus anche sulla Spagna
L'Eurogruppo discuterà anche della situazione economica dell'intera eurozona, compresa l'evoluzione dell'inflazione, alla luce delle previsioni economiche della primavera 2017 della Commissione europea, pubblicate l'11 maggio 2017. Infine la Spagna: i ministri saranno informati sui principali risultati della settima missione di sorveglianza post-programma in Spagna svoltasi dal 24 al 26 aprile 2017. La sorveglianza post-programma mira a valutare se sussista il rischio che il paese non sia in grado di rimborsare i prestiti ricevuti nell'ambito del programma. La sorveglianza sarà sospesa una volta che il paese avrà rimborsato almeno il 75 per cento del prestito. Giusto prima dell'Eurogruppo, lunedì, si svolgerà la presentazione del «pacchetto di primavera» di raccomandazioni e pareri della Commissione europea su conti pubblici e squilibri economici dei vari Paesi.