27 maggio 2020
Aggiornato 14:30
Un successo made in Italy

Tutti pazzi per il made in Italy e ora arriva la birra 100% italiana

La birra artigianale tricolore è un altro simbolo del successo del made in Italy. A Rimini si sta svolgendo la terza edizione del Beer Attraction, dove è stato lanciato il progetto ambizioso di una pinta tutta italiana dal luppolo al boccale

RIMINI – La birra artigianale tricolore è diventata il simbolo del successo made in Italy. L'export di birra italiana è cresciuto del 144% negli ultimi dieci anni e oggi la filiera nazionale conta circa 800 micro-birrifici che offrono lavoro ad almeno 3mila persone.

Un altro successo made in Italy
Quello della birra made in Italy è un universo in grande fermento e un successo internazionale. Fino a vent'anni fa i birrifici italiani erano solo qualche decina, ora sono circa 1100 se si tiene conto anche delle cosiddette «beer firm» (800 sono solo i micro-birrifici) e danno lavoro a circa 5mila persone se consideriamo tutto l'indotto della filiera (3mila sono solo gli addetti). L'export della birra italiana è cresciuto del 144% in dieci anni ed ora è particolarmente amata anche da paesi cultori come la Germania (+17%) e l'Irlanda (+8%). Ogni anno il Belpaese produce 500mila ettolitri per un valore di 225 milioni di euro e il comparto è una risposta positiva al problema della disoccupazione giovanile visto che gli addetti ai lavori sono soprattutto under 35.

Arriva la birra 100% italiana
Lo sviluppo della filiera e del commercio della birra artigianale made in Italy ha fatto sì che in ogni città del Bepaese da qualche tempo ormai si svolgano fiere e manifestazioni dedicate ad essa con una certa continuità. A Roma in due mesi si sono concentrati due grandi eventi: la Festa della Birra artigianale al Gazometro dal 4 al 13 novembre e quella al Salone delle Tre Fontane dal 7 al 10 ottobre. In questi giorni, invece, a Rimini si sta svolgendo la terza edizione di Beer Attraction, il Salone internazionale della birra organizzato da Ieg e Unionbirrai, che oltre ad essere una grande manifestazione per il settore ha anche lanciato il progetto di una birra 100% italiana dal luppolo al boccale.

Tante birre diverse, ma troppe tasse
L'iniziativa è della rete «Luppolo Made in Italy» e la guida scientifica del progetto è affidata al Centro di eccellenza della birra dell'Università di Perugia. In Italia, tra l'altro, l'offerta del prodotto è molto varia perché le caratteristiche della birra cambiano in base a quelle del territorio d'origine perciò l'idea è anche quella di valorizzare un'ampia varietà di birre legate ai diversi luoghi del Belpaese. L'unica nota stonata di questa storia che racconta il successo del made in Italy e ci promette di continuare a dare grandi soddisfazioni al paese riguarda il fisco. Sul vino, infatti, non gravano accise, mentre sulla birra sì. E questa è una differenza significativa per i produttori, considerato che il peso delle accise è salito dall’1,65 per cento per ettolitro per grado plato, vale a dire il potenziale alcoligeno, al 3,00 per cento. Unionbirrai ha calcolato che la metà degli introiti del settore se li "beve" il fisco.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal