14 novembre 2019
Aggiornato 14:00
Diminuiscono del 16% le esportazioni verso la Russia

Le sanzioni affogano l'export italiano

Antonio Fallico, presidente di Banca Intesa Russia e dell'Associazione Conoscere Eurasia, afferma che domani dall'Istat arriverà la conferma del dato di agosto, che sconta una contrazione dell'export italiano in Russia di oltre il 16%, con una perdita - da gennaio a agosto - di quasi 3 miliardi di euro.

MOSCA - Il presidente di Banca Intesa Russia e dell'Associazione Conoscere Eurasia, Antonio Fallico, afferma che "domani l'Istat confermerà il dato di agosto, che sconta una contrazione del nostro export verso la Federazione Russa del 16,3%, mentre la perdita complessiva di interscambio nei primi 8 mesi di quest'anno è di 2,8 miliardi di euro sullo stesso periodo del 2013. E settembre non sarà certo migliore. All'incontro Asem di Milano i vertici politici saranno da domani sotto l'osservazione degli imprenditori d'Europa, Asia e della Russia, vera protagonista di un mercato che negli ultimi 4 anni ha registrato un aumento record del 66%».

NECESSARIO RECUPERARE RAPPORTI CON RUSSIA - "C'è l'esigenza di fare presto e bene e di recuperare il dialogo: lo chiedono ai presidenti Putin e Renzi le migliaia di imprese che in questi hanno scommesso su un nuovo mercato», ha precisato Fallico, «gli stessi imprenditori che saranno impegnati, la prossima settimana al vertice economico di Verona. Un focus - quello del 3° Forum Eurasiatico (23-24 ottobre) - sugli scambi attuali e potenziali della nuova Comunità economica: lo spazio comune (Russia Bielorussia, Kazakistan e Armenia) di oltre 170 milioni di abitanti che lo scorso anno valeva per l'Italia 36 miliardi di euro».

IL FORUM EURASIATICO DI VERONA - Per la terza edizione del Forum Eurasiatico di Verona sono circa 1.000 le aziende attese, e saranno presenti, tra gli altri, Romano Prodi; Giovanni Bazoli, presidente Consiglio di sorveglianza Intesa Sanpaolo; Gian Maria Gros Pietro, presidente del Consiglio di gestione di Intesa Sanpaolo, Maurizio Martina, ministro delle Politiche Agricole, Paolo De Castro, coordinatore S&D commissione agricoltura e sviluppo rurale del Parlamento Europeo, Mauro Moretti, ad e direttore generale del Gruppo Finmeccanica. Tra le presenze straniere si segnalano: Sergey Razov, Ambasciatore della Federazione Russa in Italia; Li Ruiyu, Ambasciatore della Repubblica Popolare di Cina in Italia; Sergey Rumas, membro del Presidium Consiglio dei Ministri della Repubblica di Belarus e del consiglio della Commissione Economica Eurasiatica; Andrian Yelemessov, Ambasciatore della Repubblica del Kazakistan in Italia; Sargis Ghazaryan, Ambasciatore della Repubblica d'Armenia in Italia; Aleksey Meshkov, vice ministro degli Affari esteri della Federazione Russa; Ilya Shestakov, viceministro dell'Agricoltura Federazione Russa; Grigory Rapota, segretario di Stato Russia-Bielorussia; Tatiana Valovaya, ministro dell'integrazione e della macroeconomia della Commissione economica eurasiatica; Timur Suleymenov, ministro dell'Economia e della Politica finanziaria della Commissione economica eurasiatica; Igor Sechin, Presidente di Rosneft; Alexandr Medvedev, Vice CEO di Gazprom; Andrey Akimov, Presidente di Gazprombank.