27 settembre 2020
Aggiornato 22:00
Formula 1

Max Verstappen verso Barcellona: «Potremmo vincere qualche GP, per il mondiale è dura»

Il pilota della Red Bull: «Non credo che saremo capaci di recuperare un secondo in qualifica». McLaren e Williams si sono sfilate dalla causa contro la sentenza sulle prese d'aria dei freni della Racing Point

Max Verstappen vincitore dell'ultimo GP a Silverstone
Max Verstappen vincitore dell'ultimo GP a Silverstone ANSA

A due giorni dalle prime libere a Barcellona, Max Verstappen non si fa illusioni. «La distanza dalla Mercedes non è frustrante - dice a 'Marca' - ma è realistico dire che lottare per il Mondiale sarà molto difficile. Magari si potrà lottare per qualche vittoria, ma pensando a tutta la stagione è complicato pensare che si possa rimontare perché si possono cambiare poche cose nei motori. Non voglio raccontare favole, sono onesto e chiaro: l'unica cosa da fare è continuare a lavorare per essere migliori di loro e ridurre il gap. Ma non credo che saremo capaci di recuperare un secondo in qualifica, magari saremo un po' più veloci degli altri e un po' più lenti della Mercedes ma cercheremo di ridurre questa distanza ed essere ancora più vicini».

Anche per questo, pensando al 2021 e parlando di Carlos Sainz, che dalla prossima stagione sarà in Ferrari, Verstappen ammette: «Vediamo ma oggi la Mercedes è così superiore che è complicato pensare che potremo lottare per vincere».

McLaren e Williams si sfilano dalla causa contro Racing Point

McLaren e Williams si sono sfilate dalla causa contro la sentenza sulle prese d'aria dei freni della Racing Point, accusata di averle copiate da quelle della Mercedes, per questo sanzionata con 400mila euro di multa e 15 punti di penalità. Le due case automobilistiche hanno rinunciato a presentare appello al contrario di Ferrari e Rnault1. Contro la sentenza ricorre anche la Racing Point, per motivi opposti.

La data dell'udienza deve ora essere annunciata dalla Corte d'Appello Internazionale della FIA. Sabato scorso cinque scuderie di F1 (Ferrari, Renault, Williams, McLaren e Racing Point) avevano annunciato l'intenzione di presentare ricorso e avevano 96 ore per confermarla. Oggi McLaren e Williams hanno comunicato di aver cambiato idea