19 agosto 2019
Aggiornato 15:30

Marquez domina e va in testa. Dovizioso buttato fuori da Lorenzo

L'iridato è senza rivali nella sua gara di casa a Jerez. Disastro Ducati: i due piloti coinvolti in un incidente a tre con Pedrosa. A podio anche Zarco e Iannone

Marc Marquez in sella alla sua Honda durante il GP di Spagna di MotoGP a Jerez
Marc Marquez in sella alla sua Honda durante il GP di Spagna di MotoGP a Jerez Red Bull

JEREZ DE LA FRONTERA – Marc Marquez annienta i suoi rivali nel Gran Premio di casa in Spagna: il campione in carica trionfa a Jerez con un vantaggio oceanico di oltre cinque secondi sul primo degli inseguitori, e va a riprendersi anche il comando del Mondiale. Con il poleman Cal Crutchlow messo subito fuori gioco da una brutta partenza e da una caduta (stessa sorte anche per Alex Rins), il guizzo iniziale è stato di Jorge Lorenzo, che si è messo a traino di un gruppetto formato dalle due Ducati e dalle due Honda. Prima ancora del giro di boa della gara, Marquez ha rotto gli indugi e si è involato al comando, che non avrebbe più mollato fino alla bandiera a scacchi.

Incontri e scontri
I colpi di scena, però, erano tutt'altro che conclusi, alle sue spalle. La battaglia a tre per la piazza d'onore si è trasformata infatti in un disastro: quando Lorenzo ha chiuso la porta in faccia a Dani Pedrosa, i due si sono toccati e sono scivolati a terra, travolgendo così come un birillo anche l'incolpevole Andrea Dovizioso che stava tentando a sua volta di sorpassare il suo compagno di squadra. In una sola curva sono dunque sfumate le chance di podio per la Rossa di Borgo Panigale e anche quelle dell'ormai ex leader di campionato, Desmodovi, di contenere i danni rispetto al suo diretto rivale. A vedersi consegnato su un piatto d'argento il secondo posto, sia in gara che in campionato, è stato dunque Johann Zarco.

Duello tra italiani
Gli ultimi giri hanno regalato in compenso una bella battaglia per il gradino più basso del podio, che per il secondo GP di fila va ad Andrea Iannone, grazie ad un sorpasso al penultimo passaggio sul connazionale Danilo Petrucci. Quinto Valentino Rossi davanti a Jack Miller e all'altra Yamaha ufficiale di Maverick Vinales, in una giornata come da pronostici complicatissima per la casa dei Diapason. Da segnalare anche un bellissimo nono posto per il nostro debuttante Franco Morbidelli.