13 dicembre 2018
Aggiornato 09:00

La beffa della Juve segue l'impresa della Roma: il calcio italiano si rilancia

Le fatiche delle due squadre hanno stupito l'Europa e, al di là del risultato, anche i bianconeri escono vincitori dal confronto col Real Madrid
La rabbia della Juventus dopo il calcio di rigore assegnato al Real Madrid
La rabbia della Juventus dopo il calcio di rigore assegnato al Real Madrid (ANSA)

MADRID - Molti antijuventini hanno esultato al rigore di Cristiano Ronaldo al 97' che ha eliminato la Juventus dalla Coppa dei Campioni e mandato avanti (immeritatamente) i campioni d'Europa. La Juve va fuori e rimanda ancora una volta l'appuntamento con un trofeo stregato, ma stavolta esce a testa altissima, orgogliosa, valorosa, perchè ha annichilito e intimorito il Santiago Bernabeu, il pubblico madrileno pallido e sconfortato, le maglie gialle juventine che dominavano il campo, prima dell'esplosione finale per il calcio di rigore contestato ma evidente (al di là dello stucchevole italianismo a tutti i costi di alcune televisioni e giornali).

Orgoglio e mentalità

La Juventus, come la Roma ventiquattr'ore prima, ha però dimostrato cuore, tecnica, tattica e mentalità, facendo vedere che il calcio italiano si sta rialzando, che è stato capace di portare una squadra in semifinale di Coppa Campioni ed un'altra a 30 secondi dallo stesso risultato. Juventus e Roma hanno dimostrato che le grandi di Spagna sono forti e potenti, ma non imbattibili e che anche le tanto vituperate compagini della serie A possono giocarsela con Real Madrid e Barcellona. Massimiliano Allegri, ancora una volta, si è rivelato un allenatore preparato, carismatico ed efficace, sa preparare le partite con attenzione, lavorando sui dettagli, sfruttando le doti tecniche della sua squadra, ma inculcando anche la giusta mentalità ai calciatori. L'avvio della Juve è stato sensazionale, la gestione della partita intelligente e sapiente, il Real Madrid si è innervosito, ha perso molta della sua tracotanza diventando lento, prevedibile e molle, lo stesso Cristiano Ronaldo, rigore a parte, è stato impreciso e svagato, merito di un avversario che ha mandato totalmente in confusione gli spagnoli. Alla Juventus è andata male a causa di una partita di andata buttata e di un finale rocambolesco al ritorno, la Roma va a giocarsi una semifinale, traguardo che in Coppa Uefa vuole raggiungere anche la Lazio. Il calcio italiano, insomma, pur non dominando come negli anni novanta, inizia almeno a rialzare la testa.