22 novembre 2018
Aggiornato 12:12

Milan-Puma, c’è la firma: tanti soldi e una minaccia per Gattuso

Accordo pluriennale firmato tra la prestigiosa azienda tedesca e il club di via Aldo Rossi. Pioggia di milioni in arrivo sul Milan, ma anche la minaccia di Antonio Conte su Gattuso.
Un pallone con i simboli di Puma e Milan
Un pallone con i simboli di Puma e Milan (ANSA)

MILANO - «PUMA e AC Milan annunciano una partnership pluriennale, che unirà - a partire dal 1° luglio 2018 - due dei marchi più iconici e ambiziosi dell'industria calcistica». Con queste parole il sito ufficiale del club di via Aldo Rossi comunica ufficialmente quella che era una notizia ormai nell’aria. L’azienda tedesca infatti diventerà Official Partner, Global Technical Supplier e Official Licensing Partner del Milan e al momento delle firme tutte le parti in causa celebrano l’eventi.
Lusinghiere le frasi di Bjørn Gulden, Amministratore delegato di PUMA: «Siamo molto orgogliosi di questa partnership con AC Milan. È uno dei club di maggior successo nella storia del calcio con un ampio seguito in tutto il mondo ed il team e i suoi fan mostrano il vero spirito del calcio. A mio avviso quella dei Rossoneri è una delle maglie più iconiche del calcio. Non vediamo l'ora che il prossimo capitolo di questo leggendario club venga scritto insieme a PUMA».

L’enfasi di Fassone
Altrettanto enfatiche quelle pronunciate dall’ad rossonero Marco Fassone: «Esprimo particolare soddisfazione per l'annuncio di questa partnership con Puma, a cui siamo legati da reciproca stima e comune passione per i valori dello sport e del calcio. È un importantissimo brand internazionale, a cui saremo legati nelle prossime stagioni in un percorso strategico con l'auspicio e l'obiettivo di tagliare insieme nuovi e straordinari traguardi, fuori e dentro il campo».

Scuderia di campioni
Il Milan così andrà ad arricchire la nutritissima scuderia della Puma, che veste già squadre di club come Borussia Dortmund e l'Arsenal FC; le nazionali di Italia, Svizzera, Austria, Camerun, Costa d'Avorio, Ghana, Repubblica Ceca; oltre ad alcuni dei più talentuosi calciatori a livello mondiale: Antoine Griezmann, Olivier Giroud, Sergio 'Kun' Agüero, Cesc Fàbregas, Mario Balotelli, Hector Bellerin, Marco Reus, Julian Weigl, Gianluigi Buffon e Yaya Touré tra gli altri.

C’è anche Conte…
Quello che il sito ufficiale del Milan ha - chissà quanto volutamente - omesso è che nel portfolio ricchissimo della Puma ci sono anche alcuni allenatori e tra questi, in cima alla lista c’è proprio quell’Antonio Conte che da mesi viene insistentemente accostato al Milan. Ebbene, tutti ricordiamo perfettamente il peso specifico avuto dall’azienda tedesca nell’accordo tra l’ex allenatore della Juventus e la Nazionale di calcio italiana, entrambi marchiati Puma. Tanto che fu proprio lo sponsor tecnico e coprire in larga parte le richieste economiche di Conte, decisamente fuori budget per le esigue disponibilità della Figc.

Futuro da scrivere
Logico che venga spontaneo fare 2 + 2 e pronosticare l’attuale manager del Chelsea sulla panchina rossonera il prossimo anno, ma oggi il risultato non è più così scontato. Rino Gattuso sta facendo il possibile ed anche l’impossibile per mettere Fassone e Mirabelli nella sgradevole condizione di dover prendere una decisione difficile. Un primo e probabilmente fatale esame è quello che il Milan affronterà nei 25 giorni che stanno per iniziare. Se al termine di queste 4 settimane Gattuso e i suoi ragazzi avranno ottenuto i risultati che tutti i tifosi rossoneri si augurano (ottavi di Europa League, finale di Coppa Italia e successo nei tre scontri diretti di campionato contro Sampdoria, Roma e Inter), il finale di questa storia dovrà necessariamente essere riscritto. Rino ci crede, i tifosi del Milan attendono con ansia, ma la sensazione - finalmente piacevole - è che comunque vada sarà un successo.