25 febbraio 2020
Aggiornato 02:00
Formula 1

Ferrari o Mercedes: dove finirà Daniel Ricciardo?

Il suo contratto con la Red Bull scade a fine 2018, proprio come quelli di Kimi Raikkonen e Valtteri Bottas: così il 28enne australiano è già al centro del mercato piloti che conta

Sebastian Vettel e Daniel Ricciardo: la futura coppia Ferrari?
Sebastian Vettel e Daniel Ricciardo: la futura coppia Ferrari? Red Bull

AUSTIN – Se Max Verstappen è appena stato blindato dalla Red Bull fino al 2020, il suo compagno di squadra Daniel Ricciardo sarà invece tra un anno «sul mercato», come ammette lo stesso plenipotenziario dei Bibitari, Helmut Marko. Firmando il rinnovo con il suo baby fenomeno olandese, infatti, il team principal Christian Horner ha messo in chiaro, senza mezzi termini, che intende «costruire il team» intorno a lui. Una dichiarazione che non può essere piaciuta al 28enne australiano, che in queste condizioni di fatto si ritroverebbe a ricoprire il ruolo di numero due. Dunque, Daniel ha già iniziato a guardarsi intorno, in vista della scadenza del suo attuale contratto che è fissata al termine della prossima stagione. E le offerte sul suo tavolo non mancano certo: voci di paddock lo vorrebbero corteggiato da entrambi i top team, tanto la Ferrari quanto la Mercedes.

Tutti lo vogliono
Indiscrezioni che lo stesso Ricciardo ha captato, e che non ha smentito, limitandosi a gettare un po' di acqua sul fuoco degli entusiasmi: «Mi chiedono sempre della Ferrari, ma ho l'impressione che l'interesse arrivi più dai tifosi e dalla stampa che dalla Ferrari stessa», ha risposto a margine dell'ultimo Gran Premio degli Stati Uniti. E nemmeno lo stesso presidente della Rossa, Sergio Marchionne, ha negato le attenzioni nei confronti di questo ragazzo di origini italiane, pur ribadendo che, se vorrà prendere il posto di Kimi Raikkonen, si ritroverà in lizza con gli altri talentini del vivaio Ferrari: «Sto osservando tutti quanti – ha dichiarato il numero uno di Maranello – La cosa importante è appoggiare Sebastian. Abbiamo un paio di piloti che stanno uscendo dalla Academy che sono eccezionali. Bisogna vedere un po’ come piazzeremo Leclerc, Giovinazzi, ragazzi che devono avere uno spazio loro. Si sta rinnovando il parco dei piloti». Ma non bisogna dimenticare che, proprio come Raikkonen, anche l'altro finlandese Valtteri Bottas è attualmente ingaggiato solo fino a fine 2018: dunque anche il suo sedile potrebbe essere alla portata di Ricciardo. «Abbiamo appena rinnovato il contratto con Valtteri, a quello che succederà dopo il 2018 non ho ancora pensato», taglia corto il team principal della Mercedes, Toto Wolff.

Ad armi pari
Insomma, il pilota della terra dei canguri è già al centro del cascomercato che conta. Con un rischio, però, che lui ha ben presente e che pare intenzionato a scongiurare: quello di cadere dalla padella nella brace, ovvero di cambiare squadra per poi ritrovarsi sempre a fare lo scudiero. «Se dovessi trattare con un altro team, una delle prime questioni su cui insisterei sarebbe mantenere le stesse condizioni – ha ribadito lui – Se qualcuno mi proponesse un ingaggio ma mi chiedesse in cambio di aiutare il mio compagno di squadra, non firmerei». Non che Daniel sia spaventato dal confronto con i suoi potenziali futuri capitani: con Sebastian Vettel condivise già il box della Red Bull, mentre Lewis Hamilton rappresenterebbe un punto di riferimento nuovo e altrettanto stimolante. «Ho avuto la possibilità di lottare con Seb e con Max – chiosa – Mi piacerebbe sfidare anche Lewis ora che è al culmine della sua carriera».

Daniel Ricciardo con il suo possibile futuro compagno di squadra in Mercedes, Lewis Hamilton
Daniel Ricciardo con il suo possibile futuro compagno di squadra in Mercedes, Lewis Hamilton (Red Bull)