13 novembre 2018
Aggiornato 22:30

Niang in bilico tra Torino, Lazio e…: il Milan valuta tre opzioni

Mancano pochi giorni alla chiusura del mercato e la soluzione del giallo Niang è sempre più complessa. All’offerta del Torino, giudicata troppo bassa dal Milan, potrebbe aggiungersi quella della Lazio alla ricerca del sostituto di Niang. In mancanza di offerte adeguate il francese potrebbe perfino restare a Milanello.
L'attaccante francese Niang
L'attaccante francese Niang (ANSA)

MILANO - «In questo Milan ambizioso e rinnovato non c'è spazio per chi è stressato: Niang vattene». Se c’erano dubbi su quale potesse essere lo schieramento della tifoseria nella querelle tra l’attaccante francese e la dirigenza rossonera, lo striscione esposto dalla curva sud durante l’incontro di campionato tra Milan e Cagliari ha fugato i residui dubbi.
Ormai mancano solo pochi giorni alla chiusura del mercato, e anche alla conseguente scadenza del certificato medico di M'Baye Niang per stress, quindi la soluzione di questa intricata vicenda volge necessariamente al termine.

Il rilancio del Toro
Ad oggi sono tre le opzioni percorribili: la prima porta a Torino, dove Sinisa Mihajlovic è pronto ad accogliere a braccia aperte la punta parigina dopo il breve periodo di convivenza milanese particolarmente fruttuoso per entrambi. Il problema è che il presidente Cairo sembra tutt’altro che intenzionato a soddisfare le richieste del Milan (20 milioni che al massimo potrebbero diventare 18). L’offerta granata è ferma a 12 milioni, anche se qualche sussurro da Torino anticipa un aumento fino a 14. Sempre troppo poco per Fassone e Mirabelli, scottata dalla super richiesta di Cairo per Belotti e fermamente decisi a non cedere a ricatti di alcun tipo. Se la dirigenza del Toro alzerà ulteriormente l’asticella bene, altrimenti la suggestione granata per Niang potrebbe svanire in fretta.

Idea Lazio
Nelle ultime ore ha ripreso corpo un’idea di inizio mercato, quella che accosta l’ex Watford alla Lazio. Preso atto dell’imminente partenza di Keita, sempre più ai ferri corti con Lotito, Inzaghi ha chiesto al suo presidente uno sforzo per sostituire il ribelle senegalese e Niang potrebbe essere il profilo ideale. Pare che il Milan, già in trattativa con il club biancoceleste per Paletta, abbia rilanciato con una proposta di mega scambio senza esborso di danaro: Keita al Milan, Niang e Paletta alla Lazio. Difficile però che l’attaccante promesso sposo della Juve possa cambiare idea dopo aver già rifiutato il trasferimento a Milano ad inizio estate.

L’ultima opzione
Non è però esclusa l’ultima opzione, quella al momento meno gradita alla piazza ed anche allo staff tecnico: la permanenza del francese a Milanello. Pare evidente che Fassone e Mirabelli non siano disposti a svendere il ragazzo per il quale sono arrivate offerte anche superiori ai 20 milioni (lo Spartak Mosca ne aveva offerti 23, ma Niang ha rifiutato il trasferimento in Russia), quindi in mancanza di offerte capaci di soddisfare le esigenze rossonere è lecito ipotizzare che il classe ’94 di Parigi possa perfino restare al Milan. Un’opzione che nessuno in via Aldo Rossi si augura, tantomeno M’Baye Niang.