12 luglio 2020
Aggiornato 07:30
Calciomercato

Kalinic salta l’allenamento e la Fiorentina lo multa

Il centravanti croato, vicinissimo al passaggio al Milan, non si presenta all’allenameno odierno, scatenando la reazione del club viola che ha deciso di sanzionarlo secondo regolamento. L’ennesimo episodio di insubordinazione ormai diffuso pericolosamente tra i calciatori.

L'attaccante croato Nikola Kalinic
L'attaccante croato Nikola Kalinic ANSA

MILANO - Ormai sembra diventata una spiacevole consuetudine: appena un calciatore sente di non aver più voglia di continuare il proprio percorso con il club al quale è legato, smette di presentarsi all’allenamento e automaticamente si autosclude dai giochi.
Nelle ultime settimane abbiamo letto di Keita Balde, in evidente rotta di collisione con la Lazio e con il presidente Lotito, e prima ancora a far parlare di sè per questa discutibile procedura sono stati Kondogbia all’Inter, Douglas Costa al Bayern Monaco, Dembelè al Borussia Dortmund etc. etc.

Multa salata
L’ultimo della lista è Nikola Kalinic, centravanti croato promesso sposo al Milan ma di fatto ancora sotto contratto con la Fiorentina. L’ex Dnipro forse sperava in una più rapida conclusione delle operazioni, cosa che evidentemente non è avvenuta. Così il fatto di non presentarsi all’allenamento mattutino voluto da mister Pioli è stato visto dalla dirigenza gigliata come un atto di insubordinazione. Risultato: «La Fiorentina informa che il calciatore Nikola Kalinic non si è presentato all’odierna sessione di allenamento senza fornire alcuna motivazione al Club. Il calciatore, avendo violato le norme che disciplinano l’attività della squadra, sarà sanzionato secondo regolamento».