16 giugno 2019
Aggiornato 07:00

Biglia-Milan: qualcosa si muove

Dopo un lungo tira e molla, fra conferme smentite e giochi al rialzo, la trattativa può lentamente sbloccarsi. Le ultime da Roma e da Milano

Lucas Biglia, centrocampista e capitano della Lazio
Lucas Biglia, centrocampista e capitano della Lazio ( ANSA )

MILANO - La strategia dell'attesa alla lunga può pagare. Questa l'idea che lentamente sta prendendo corpo dalle parti di Milanello per quel che riguarda la questione legata a Lucas Biglia, capitano della Lazio ed obiettivo numero uno per il centrocampo milanista; la vicenda, si sa, va avanti da tanto e il nodo è semplicissimo da spiegare: Lotito chiede 20 milioni di euro per privarsi dell'argentino, Fassone e Mirabelli non si spingono oltre i 15. Trattativa lunga e complessa, difficile da sbloccare poichè le parti sono rigide sulle rispettive convinzioni e nessuna delle due pare propositiva verso l'altra; stamattina l'edizione romana del Messaggero aveva titolato: "Biglia non parte per il ritiro con la Lazio, accordo col Milan?». Nella spiegazione dell'articolo, si riferiva come, qualora le due società trovassero un accordo, l'argentino non partirebbe per il raduno biancoceleste ad Auronzo di Cadore, ma aspetterebbe la chiusura dell'affare a Roma per poi raggiungere Montella e compagni a Milanello. Dall'ambiente milanista nessuno ha smentito, anzi, fonti rossonere riferiscono come la già citata strategia dell'attesa possa essere l'arma vincente in questa complicata e laboriosa operazione; del resto Biglia è in scadenza di contratto (giugno 2018) e non ha alcuna intenzione di rinnovare l'accordo con la società capitolina: il Milan aspetta, sornione e sicuro dell'accordo col calciatore e della sua volontà di vestire il rossonero. Qualcosa si muove, lentamente ma progressivamente, e Biglia, pian piano, si avvicina sempre di più a diventare il nuovo regista del Milan.