15 ottobre 2019
Aggiornato 20:30

Mirabelli svela le prossime mosse di mercato del Milan

Ricca di spunti la conferenza stampa di Massimiliano Mirabelli nel giorno della presentazione del nuovo Milan. La dirigenza rossonera ha acquistato tanto, ma il mercato in entrata non è finito: nel mirino Biglia dalla Lazio più un calciatore proveniente dalla Bundesliga. Poi naturalmente spazio alle cessioni.

Biglia e Keita: il primo è un obiettivo del Milan, il secondo non più
Biglia e Keita: il primo è un obiettivo del Milan, il secondo non più ANSA

MILANO - Ormai è diventato l’idolo della piazza. Eroe, al fianco del suo illustre e preparatissimo compagno di avventura Marco Fassone, di un mercato a tinte rossonere come non se ne vedevano dai primi anni 2000. Massimiliano Mirabelli quasi non se ne rende conto, si schermisce, fa il modesto, ma inizia finalmente a percepire quanto buono sia stato il lavoro svolto finora per ridare lustro e lucentezza al brand Milan, ingrigito e ammuffito dopo un quinquennio indecoroso di mortificazioni e umiliazioni ad ogni latitudine.

Troppi 35 calciatori
«Stiamo cercando di seguire una logica in quello che stiamo facendo - le parole dell’area tecnica del Milan -. L'età media dei giocatori che stanno arrivando fanno capire che stiamo cercando di aprire un ciclo. Sarà poi il campo a dare un giudizio sul lavoro fatto. Siamo fiduciosi, il Milan è un cantiere aperto ancora ma cercheremo di completarlo nel minor tempo possibile per permettere a Montella di lavorare come si deve».
Perchè questo accada, inevitabile partire dalle cessioni: «Esatto, il mercato è ancora lungo, ma sicuramente non possiamo restare in 35. Sappiamo che dobbiamo competere in tre competizioni e quindi dobbiamo avere una rosa ampia, ma non così tanto. Alcuni giocatori hanno mercato come Bacca e Lapadula, ma anche per altri stiamo valutando le richieste con l’allenatore». 

Non è finita
La notizia più importante per i tifosi del Milan è che il sontuoso mercato in entrata non è ancora terminato: «Oggi è difficile dire quanti giocatori arriveranno ancora, dipende da cosa accadrà sul fronte delle uscite. Faremo sicuramente qualcosa in attacco, ma davanti abbiamo tanti giocatori e dobbiamo essere equilibrati nella scelta tra chi arriva e chi esce». 
Sul fronte Lazio non ci sono ancora novità: «Posso dire che Keita è uno dei giocatore che seguivamo, ma quando ci siamo accorti che era gestito in una certa maniera abbiamo mollato la presa, non rientra più nei nostri programmi. Biglia invece è un giocatore che ci piace, in questi giorni è uscito qualcosa che non è vero. Milan e Lazio hanno rapporti splendidi, soprattutto tra Fassone e Lotito, ma come in ogni trattativa è necessario trovare la quadra da una parte e dall'altra. Abbiamo una nostra linea, senza scendere a compromessi, cerchiamo di fare quello che facciamo sapendo che noi siamo il Milan».

Nuovo nome dalla Germania
E per finire ecco un’anticipazione che potrebbe dare vita ad un’edizione 2017 del famoso mister X di un paio di stagioni or sono: «Intanto voglio sottolineare il fatto che molti giocatori si stiano esprimendo per venire al Milan, c'è fiducia in quello che stiamo facendo e questo deve inorgoglire tutti. Per quanto riguarda il campionato tedesco,  è vero che è complicato ma se abbiamo preso giocatori da lì è perchè pensiamo che possano far bene. Pescare in Germania non è facile, forse all'inizio non ero molto convinto di prendere due giocatori dalla Bundesliga, ma adesso chissà che non ne arrivi pure un altro».