17 agosto 2019
Aggiornato 15:00

Le quattro spine nella rosa del Milan: Poli, Sosa, Niang e Bacca

A fronte di uno straordinario lavoro sul fronte acquisti, Fassone e Mirabelli sembrano riscontrare enormi difficoltà per quanto riguarda le cessioni. Poli non trova l’accordo con il Bologna, Sosa rifiuta le proposte turche, Niang torna dal Watford e Bacca non lo vuole nessuno.

Bacca e Niang, due dei principali indiziati a lasciare definitivamente il Milan
Bacca e Niang, due dei principali indiziati a lasciare definitivamente il Milan ANSA

MILANO - Doveva essere oggi il giorno giusto per celebrare con i dovuti onori la prima operazione in uscita del nuovo Milan cinese: la cessione di Andrea Poli al Bologna. Doveva, ma molto probabilmente non sarà. Almeno non oggi. Secondo quanto filtra dal capoluogo emiliano, i due club avrebbero già trovato un accordo per la cessione del centrocampista rossonero ai felsinei per una cifra vicina ai 2-3 milioni di euro. 

Problemi di ingaggio
A far inceppare proprio sul più bello la trattativa - almeno al momento - sembrano essere le richieste contrattuali inoltrate da Giovanni Branchini, procuratore del mediano ex Sampdoria, alla dirigenza del Bologna: almeno un milione di euro a stagione per tre anni, a fronte dei circa 700 mila messi sul piatto dal presidente Joey Saputo. Una differenza non incolmabile ma  che potrebbe rappresentare il classico sassolino in un ingranaggio che appariva ben oliato.

Sosa, no alla Turchia
La speranza è che comunque alla fine la situazione si sblocchi e Poli venga ceduto al Bologna, anche perchè la sua avventura al Milan è ufficialmente finita. Così come quella dell’argentino Josè Sosa, anche lui messo elegantemente alla porta dalla nuova dirigenza rossonera e anche lui piuttosto restio ad abbandonare l’accogliente rifugio di Milanello. Ben due club turchi, parliamo dell'Antalyaspor e del Fenerbahce, si sarebbero fatti avanti chiedendo la disponibilità all’ex Besiktas, ricevendone un cambio un solenne «no grazie, voglio restare al Milan»

Chi vuole Niang e Bacca?
Un problema che potrebbe rappresentare la classica spina nel fianco di Fassone e Mirabelli, finora abilissimi nel mettere a segno colpi importanti per impreziosire la rosa a disposizione di Vincenzo Montella, ma alle prese con enormi difficoltà sul fronte cessioni. Poli e Sosa sono solo i primi della lista, ma ancora più complicata potrebbe rivelarsi la faccenda relativa ai due attaccanti Niang e Bacca. Il primo di ritorno dal Watford, rifiutato dopo appena 6 mesi di Premier League, il secondo senza lo straccio di un potenziale acquirente dopo una stagione che definire imbarazzante è un eufemismo.