20 febbraio 2019
Aggiornato 07:30

Prove interrotte per le cadute Suzuki, Alex Rins in ospedale

Andrea Iannone e il suo neo compagno di squadra cadono a pochi minuti di distanza alla curva 12: nessuna conseguenza per l'italiano, mentre il tedesco lamenta un dolore alla schiena che i medici hanno voluto monitorare

Alex Rins in azione a Valencia
Alex Rins in azione a Valencia

VALENCIA – Inizia male la seconda e ultima giornata di test a Valencia per la Suzuki. Entrambi i piloti al debutto sulla moto giapponese sono stati infatti protagonisti, a pochi minuti di distanza, di due cadute in fotocopia per colpa della perdita dell'anteriore alla curva 12, che hanno costretto i commissari ad esporre la bandiera rossa dopo poco più di un'ora dall'inizio della giornata. Andrea Iannone se l'è cavata danneggiando la sua Gsx-Rr, ma senza un graffio; peggio è andata al suo neo compagno di squadra Alex Rins, trasportato in ambulanza all'ospedale Nisa 9 de Octubre per accertamenti. Il pilota tedesco è comunque rimasto cosciente e muove gambe e braccia, ma ha lamentato un dolore alla schiena che l'equipe medica ha deciso di tenere sotto controllo. Prima dell'interruzione delle prove, il più veloce è stato Marc Marquez, con un ottimo tempo di 1:30.629, quasi un secondo meglio di Maverick Vinales al secondo giorno sulla Yamaha. Jorge Lorenzo sulla Ducati è sesto, mentre Valentino Rossi non è ancora sceso in pista.