31 maggio 2020
Aggiornato 05:30
Calcio | Parma FC

Cassano show su Buffon, Prandelli e il futuro

Antonio Cassano show nella prima conferenza post mondiale. Dalla Nazionale agli obiettivi del Parma tantissimi i punti toccati: «Posso solo ringraziare Prandelli. In quattro anni ha fatto un lavoro eccezionale, poi qualcuno si è divertito a massacrarlo. Qualcuno si è divertito a buttare sporcizia su me e Buffon. Sarà qualche sfigato».

PARMA - «Voglio chiudere la mia carriera al Parma». Antonio Cassano show nella prima conferenza post mondiale. Dalla Nazionale agli obiettivi del Parma tantissimi i punti toccati. «Qualcuno si è divertito a buttare sporcizia su me e Buffon - ha detto - Sarà qualche sfigato. Con Gigi avevo un rapporto stretto. Fin dall'inizio gli avevo detto che ero contentissimo di far parte di questo gruppo, anche senza giocare. La storia del bicchiere rotto è una falsità. Buffon non ha fatto nomi quando ha criticato giovani. È più un problema creato dagli altri. Perché quando Gigi ha un problema lo dice in faccia».

Parole d'affetto anche per Prandelli: «Posso solo ringraziarlo. In quattro anni ha fatto un lavoro eccezionale, poi qualcuno si è divertito a massacrarlo. Abbiamo fatto tutti male, e la colpa è di tutti. Qualcuno ha esagerato su di lui ma questa è l'Italia».

Dalla Nazionale al Parma. «Io resto al cento per cento al Parma, anzi chiuderò qui la mia carriera - ha spiegato il fantasista gialloblù -, io sono contento qua e voglio continuare sino a quando ce la faccio. Dopo quello che è successo lo scorso anno ho ancora più motivazioni. L'esclusione dall'Europa League è una vergogna ed ora voglio riprendermi quello che mi hanno tolto. Poi se arriveremo sesti, settimi, ottavi etc non lo so, ma giocheremo molto arrabbiati».

Passo dopo passo, innanzitutto il campionato. Poi il futuro: «Ho tanti rimpianti, penso - ha proseguito Cassano - di aver dato il 50 per cento di quello che potevo fare. Ho fatto tante cazzate, ma posso tornare indietro. Non voglio fare il pagliaccio che giocherà fino ai 36, 37, 40 anni, quando arriverà il mio momento mi ritirerò. Non so cosa farò, anche perché non so fare niente».

Chiusura al Monaco, «mi hanno fatto un'offerta importantissima dagli Emirati, ma per me la felicità è un'altra cosa, per me la felicità è Parma» ringraziamenti a Ghirardi e Leonardi. Ed una speranza: «Vorrei vincesse lo scudetto l'Inter anche se non lo dico per Mazzarri».

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal