Italia | Emergenza sbarchi

Di Maio: «Solidarietà Ue si è fermata a Ventimiglia. Renzi brutta copia di Macron»

Il vicepresidente della Camera: «Tutti e due dicono di essere europeisti ma quando si trattava di affrontare seriamente la solidarietà europeista entrambi hanno tradito i cittadini europei e italiani»

VENTIMIGLIA - «Tutti i migranti che sono a Ventimiglia non vogliono restare in Italia, vogliono andare in Francia o in altri Paesi europei. La verità è che l'Unione Europea si è fermata a Ventimiglia». Lo ha detto il vice presidente della Camera, Luigi Di Maio, dopo aver visitato il campo di accoglienza per i migranti allestito dalla Croce Rossa a Ventimiglia. «L'ultima istanza dello spirito di solidarietà della Ue - ha sottolineato Di Maio - è a Ventimiglia. Sono il sindaco, il prefetto e la polizia che cercano di gestire un fenomeno che è figlio dell'egoismo dell'Unione Europea, di una Francia che respinge decine e decine di migranti e chiude le sue frontiere - ha concluso il vicepresidente della Camera - con il cosiddetto regolamento di Dublino».

«Renzi è la brutta copia di Macron. Tutti e due dicono di essere europeisti ma quando si trattava di affrontare seriamente la solidarietà europeista che significa cominciare a far si che tutti gli altri Paesi si prendano carico delle loro responsabilità sul tema migranti, sia Renzi che Macron hanno tradito i cittadini europei e Renzi anche quelli italiani. Dire 'aiutiamo i migranti a casa loro' -ha sottolineato Di Maio - è uno slogan. Slogan con cui ha governato sia il centrosinistra che il centrodestra, che hanno entrambi ratificato il regolamento di Dublino. Non possiamo più governare con gli slogan. Macron e Renzi -ha concluso il vice presidente della Camera- sono le due facce della stessa Europa: un'Europa di slogan, che si riempie la bocca di europeismo».