16 giugno 2019
Aggiornato 06:30
Il Cav ribadisce l'opposizione

Nessun sostegno a Renzi sulle riforme, ma no alle urne

Il leader di Forza Italia ha convocato a Villa Certosa un tavolo con alcuni big azzurri per fare il punto della situazione. Oltre a Brunetta, Romani e Bergamini, anche Toti, con cui i rapporti sembrano essersi raffreddati. Sulla questione Lega, Forza Italia sembra più propensa alla chiusura, ma intanto si pensa a programmi e nomi comuni per il centrodestra

ROMA (askanews) - Ribadire la propria opposizione senza se e senza ma a Renzi e, allo stesso tempo, cercare di scongiurare il rischio che il voto al Senato sulle riforme si trasformi in uno show-down e dunque in elezioni anticipate che lo colgano impreparato. Il dilemma di Silvio Berlusconi, alla vigilia della ripresa autunnale dei lavori, è in questo doppio binario. Che, peraltro, si riflette in due diverse sensibilità entrambe presenti nel mondo di Forza Italia e dintorni (leggi Mediaset).

I big di Forza Italia in Sardegna
Per fare il punto l'ex premier ha convocato in Sardegna a Villa Certosa alcuni big azzurri: i due capigruppo, Brunetta e Romani, la portavoce Deborah Bergamini. C'è anche Giovanni Toti: i rapporti tra lui e il Cavaliere hanno recentemente subito un netto stop, altrimenti non si spiegherebbe la nota di qualche settimana fa con cui Berlusconi bocciava platealmente l'apertura del governatore della Liguria sulle primarie. Quella di avere due linee è un'accusa che più volte è piovuta addosso a Forza Italia negli ultimi tempi. Già Matteo Renzi aveva messo il dito nella piaga parlando degli approcci differenti dei capigruppo azzurri di Camera e Senato: l'uno più barricadero, l'altro più aperturista.

I rapporti con Salvini
Oggi tocca a Matteo Salvini, che da una parte, tornando sull'ipotesi di un ticket con l'ex premier, si dice pronto a farsi da parte anche se sente «di avere l'appoggio di tanti italiani». Dall'altra, però, affonda: «Bisogna vedere cosa vuole fare Forza Italia perché c'è un pezzo di partito che vorrebbe sostenere Renzi e un altro pezzo che dice non si tocca questa Europa e questo euro, quindi che si decidano». Parole che sono state accolte con un certo fastidio in Sardegna, tanto da provocare una nota della Bergamini. «Forza Italia ha una sola voce, una sola linea politica ed è quella del presidente Berlusconi», puntualizza. D'altra parte anche con la Lega c'è la necessità di mantenere uno stretto legame senza però continuare a subirne la supremazia. Soprattutto in vista delle prossime tornate elettorali, a cominciare da Milano. Anche per questo, viene spiegato, permane una certa freddezza rispetto all'ipotesi di aggregarsi alla serrata di tre giorni proposta dal leader del Carroccio. «Questo - spiega uno dei partecipanti all'incontro - non è il nostro modo di agire».

Il programma comune del centrodestra
Dalla riunione di oggi, comunque, sarebbe emersa l'ipotesi di proporre a tutti gli alleati del centrodestra un tavolo per definire programmi comuni e candidature. Anche un incontro tra Berlusconi e Salvini servirà sicuramente a mettere alcuni puntini sulle i, ma al momento non è stato ancora messo in agenda. E' peraltro probabile che il Cavaliere resti in Sardegna ancora per questa settimana. E che, nonostante la sua remise en forme che gli avrebbe consentito di perdere dieci chili, il ritorno alla politica pubblica non sarebbe così immediato. In cima ai suoi pensieri ci sono, infatti, sempre i suoi problemi giudiziari: la speranza è che a settembre arrivino buone notizie dalla corte di Strasburgo.