24 giugno 2021
Aggiornato 02:00
Il Mattinale sulle regionali

Fi: se Pd vince solo in 3 Regioni, Renzi si dimetta

Il centrodestra di Forza Italia si dice fiducioso ed ottimista sui risultati delle regionali. Per il Mattinale, la nota politica redatta dallo staff del gruppo Forza Italia della Camera, infatti, Veneto e Campania sarebbero idonei per i successi del centrodestra, ma non è detto che non si finisca con tre sole regioni al Pd e quattro al centrodestra. A quel punto il premier dovrebbe dimettersi.

ROMA (askanews)«E' il momento di una unità battagliera dentro Forza Italia e nel centrodestra. Dobbiamo respirare con due polmoni: quello moderato, del Partito popolare europeo e della tradizione liberale, cattolica e socialista riformista da un lato; e quello che ha connotati di riferimento territoriale, di identità nazionale, fino alla destra lepenista all'italiana dall'altro. Attenzione, la differenza con la Francia è lampante: la Lega Nord ha da sempre mostrato di saper respirare e governare con Forza Italia e Ncd, a differenza del suo riferimento francese». E' quanto si legge su 'Il Mattinale', la nota politica redatta dallo staff del gruppo Forza Italia della Camera.

Veneto e Campania idonei per successo del centrodestra 
«Fino a un mese fa
- prosegue - c'era il mantra del 7-0, il pronostico appariva scontato. Be', adesso la sinistra si tiene attaccata all'orizzonte del 5-2. Veneto e Campania sono perfettamente idonee per un successo dalla coalizione di centrodestra. Se dovesse finire così avremmo un pareggio, una ripetizione, rispetto ai risultati di 5 anni fa. Renzi collezionerebbe la sua prima sconfitta elettorale per non aver soddisfatto la sua golosità senza fine. Ridimensionamento della non più irresistibile galoppata renziana, addio 'magnifiche sorti e progressive' da lui preconizzate».

Il premier trema e si nota dalle sue «invenzioni»
Invece, si sottolinea su 'Il Mattinale' «un 4 a 3 per loro rappresenterebbe per noi davvero una grande vittoria e una sconfitta clamorosa per Renzi ed il centro sinistra. Dando per scontata la vittoria del Pd in Toscana, non è da pazzi sognare un risultato ancor più positivo: quattro regioni a noi e tre per loro. Renzi a quel punto dovrebbe dimettersi (come fece D'Alema, con coerenza, nel 2000). Che il premier abbia paura si vede dalle sue invenzioni disperate: dalla fretta vorticosa per portare a casa l'Italicum, e dimostrarsi così decisionista e fattivo, al colpo propagandistico - conclude - della mancia pre-elettorale, quella del tesoretto».