24 giugno 2021
Aggiornato 13:00
Elezioni dell'Alto Rappresentante per la politica estera dell'UE

Gozi: vincerà la Mogherini

I paesi baltici sono contrari alla candidatura italiana, perchè credono che il Belpaese parteggi per la Russia nella crisi Ucraina, ma Sandro Gozi, sottosegretario agli Affari europei, risponde a tono alle accuse del premier lituano: "Vincerà a maggioranza, come Juncker".

STRASBURGO - La Polonia e i paesi baltici - Lituania, Lettonia, Estonia - sono contrari alla candidatura della Mogherini al ruolo di Alto Rappresentante per la politica estera dell'Ue, per quella che viene giudicata la sua mancanza di esperienza e per le sue posizioni ritenute troppo favorevoli alla Russia. Tanto che un analista lituano, Tomas Janeliunas, ha sottolineato che la sua candidatura genera "inquietudine... Perché l'italia è percepita come favorevole alla Russia e in particolare la sinistra italiana».

La Lituania, in particolare, ha esplicitato in modo chiaro e netto la sua opposizione al ministro degli esteri italiano: parlando alla radio pubblica, senza alcun giro di parole, il premier Algirdas Butkevicius ha detto esplicitamente e pubblicamente: "Non sosterremo la candidatura del ministro italiano», ed ha poi aggiunto: "La decisione  è stata concordata con la presidente lituana, Dalia Grybauskaite, che rappresenterà il suo paese al summit di mercoledì".

Secca e decisa arriva la risposta da parte dell'Italia. Il sottosegretario agli Affari europei, Sandro Gozi, parlando con alcuni cronisti a margine del suo intervento all'Europarlamento come presidente di turno del Consiglio Ue, ribadisce: "La candidata italiana al posto di Alto Rappresentante per la politica estera dell'Ue, Federica Mogherini, ha il sostegno di tutti i leader socialisti e potrebbe essere designata a maggioranza qualificata dai capi di Stato e di governo, così come è successo per il presidente designato della Commissione europea, Jean-Claude Juncker".

Ne approfitta inoltre per rispondere a una domanda sull'opposizione da parte dei paesi dell'Est alla candidatura di Mogherini, considerata appunto non abbastanza dura nei confronti della Russia sulla questione Ucraina, Gozi ha osservato: "Juncker è stato designato a maggioranza qualificata dal Consiglio europeo, e se ci sono obiezioni significa che anche l'Alto Rappresentante potrebbe essere designato a maggioranza".

Secondo il sottosegretario, "la designazione di Juncker fa parte di un accordo per cui l'Alto Rappresentante va a un candidato socialista, e Mogherini ha il sostegno unanime di tutti i leader socialisti".

"Noi" ha concluso infine Gozi al termine del suo intervento, "andiamo avanti su questa strada, sapendo che il Pse ha chiaramente indicato la sua volontà di avere l'Alto Rappresentante, e che ha indicato Federica Mogherini come ottimo candidato".