14 novembre 2019
Aggiornato 08:00
Il quadro economico europeo

Mario Draghi all'FMI: «Rallentamento eurozona riflette debolezza del commercio internazionale»

Per il numero uno della Bce «Questi sviluppi si riflettono anche negli indicatori del sentimento economico che hanno continuato a peggiorare negli ultimi mesi»

Il Presidente della BCE, Mario Draghi
Il Presidente della BCE, Mario Draghi ANSA

WASHINGTON (ASKANEWS) - Il rallentamento della crescita dell'Eurozona, con il secondo trimestre che ha visto un incremento del Pil dello 0,2%, «riflette principalmente la debolezza prevalente del commercio internazionale in un contesto di prolungate incertezze globali, che stanno colpendo in particolare il settore manifatturiero dell'area dell'euro». Lo ha rilevato il presidente della Bce Mario Draghi nel suo discorso consegnato per l'International Monetary and Financial Committee del Fondo Monetario Internazionale a Washington.

Disoccupazione al livello più basso da maggio 2008

Per il numero uno della Bce «Questi sviluppi si riflettono anche negli indicatori del sentimento economico che hanno continuato a peggiorare negli ultimi mesi. Allo stesso tempo, il tasso di disoccupazione nell'area dell'euro ha continuato la sua tendenza al ribasso, scendendo al livello più basso da maggio 2008. Il numero di persone occupate è aumentato di oltre 11 milioni dalla metà del 2013». Draghi ha ricordato che i settori dei servizi e delle costruzioni mostrano una resilienza costante e l'espansione dell'area dell'euro è anche supportata da condizioni di finanziamento favorevoli, ulteriori guadagni di occupazione e salari in aumento, la posizione fiscale leggermente espansiva dell'area dell'euro e la crescita, seppur leggermente più lenta, dell'attività globale.

Crescita reale del PIL all'1,1% nel 2019

Dopo gli incontri di primavera del FMI nell'aprile 2019, le proiezioni economiche a breve termine sono state riviste al ribasso. Le ultime proiezioni macroeconomiche della BCE per l'area dell'euro, pubblicate a settembre, hanno collocato - ha affermato Draghi - la crescita del PIL reale annuale all'1,1% nel 2019, all'1,2% nel 2020 e all'1,4% nel 2021. I rischi che circondano le prospettive di crescita dell'area dell'euro rimangono orientati al ribasso e riguardano principalmente la prolungata presenza di incertezze legate a fattori geopolitici, la crescente minaccia di protezionismo e vulnerabilità nei mercati emergenti. Accogliamo con favore - ha aggiunto - un accordo su un'uscita ordinata del Regno Unito dall'Unione europea.

Cala l'inflazione

L'inflazione complessiva nell'area dell'euro si è recentemente attestata attorno all'1,0% e si è attestata allo 0,8% a settembre, inferiore rispetto ai primi mesi di quest'anno, quando era intorno all'1,5%. Ciò riflette in gran parte il calo del tasso annuale di variazione dei prezzi dell'energia. Le misure dell'inflazione sottostante rimangono generalmente silenziate. Mentre le pressioni sul costo del lavoro si sono rafforzate e ampliate nel quadro del rafforzamento dei mercati del lavoro, il loro passaggio all'inflazione sta richiedendo più tempo di quanto precedentemente previsto. In prospettiva, l'inflazione di base dovrebbe aumentare nel medio termine, sostenuta dalle nostre misure di politica monetaria, dall'espansione economica in corso e dalla solida crescita dei salari. Le ultime proiezioni della BCE prevedono un'inflazione complessiva annua dell'area dell'euro dell'1,2% nel 2019, dell'1,0% nel 2020 e dell'1,5% nel 2021.