6 luglio 2020
Aggiornato 05:00
BCE e FED divergono

Fed, Yellen: «Economia Usa in salute, non aspetteremo troppo a rialzare i tassi»

La presidente della Fed, Janet Yellen, continuerà ad aumentare il costo del denaro perché l'economia Usa è «in salute» ed è tornata a difendere l'indipendenza dell'istituto monetario

La presidente della Federal Reserve, Janet Yellen.
La presidente della Federal Reserve, Janet Yellen. ANSA

NEW YORK - Janet Yellen intende alzare gradualmente i tassi visto che l'economia americana è «in salute» e il sistema finanziario è «più solido e più sicuro». In un colloquio organizzato presso l'Università del Michigan, la prima donna alla guida della banca centrale Usa ha inoltre difeso l'indipendenza della Fed stessa, spesso criticata da Donald Trump. E rispondendo a una domanda, ha anche spiegato come si rilassa: con una bella dormita e trascorrendo più tempo che può con il marito, un premio Nobel.

La Fed continuerà ad alzare i tassi
Se in seguito alla peggiore crisi finanziaria dagli anni '30 del secolo scorso, la Fed «premeva sull'acceleratore per sostenere l'economia, ora premiamo su quel pedale con meno forza», ha spiegato Yellen usando ancora una volta la metafora dell'automobile e precisando che «non vogliamo aspettare troppo [ad alzare il costo del denaro] perché se l'economia si surriscalda e l'inflazione sale oltre il nostro target [pari a crescita annuale pari al 2%], non vogliamo essere costretti ad aumentare i tassi in fretta», cosa che potrebbe causare un'altra recessione.

L'economia Usa è "in salute"
«Vogliamo portarci avanti, non essere indietro", ha proseguito Yellen. Ricordando che nel dicembre 2008 la Fed portò i tassi al minimo storico pari allo 0-0,25% dando inizio a una politica monetaria estremamente accomodante, Yellen ha poi ammesso: «Allora non avrei potuto immaginare che i tassi sarebbero rimasti a zero per così tanto tempo». La prima stretta dal giugno 2006 (di 25 punti base) c'è stata nel dicembre 2015, seguita da un'altra della stessa portata 12 mesi dopo e da un'altra ancora nel marzo scorso (sempre di 25 punti base allo 0,75-1%).

La politica monetaria deve essere "libera" dalla pressione politica
Ora che la normalizzazione della sua politica monetaria è avviata, la Fed «monitora comunque le minaccia [perché] non vogliamo un'altra crisi», ha aggiunto Yellen. Guardandosi bene dal fare espliciti riferimenti al presidente Trump, Yellen ha sottolineato «l'importanza» dell'indipendenza della Fed. Questo, ha continuato, «non significa un'assenza di trasparenza e rendicontazione nei confronti del Congresso"; ma per lei è essenziale che la politica monetaria sia «libera dalla pressione politica» e focalizzata sul lungo termine.

Come Yellen si rilassa nel tempo libero
A chi le ha chiesto come si rilassa dal ricoprire un ruolo così fondamentale per il buon andamento dell'economia, Yellen ha risposto «con un buon sonno». Per lei è altrettanto importante «prendere le distanze dai dispositivi elettronici durante la notte». Precisando di non essere da sola nel definire la rotta della Fed - «sono circondata da persone di talento» - Yellen ha detto con umiltà che non fa nulla di speciale: «Cerco di trascorre il maggiore tempo possibile con gli amici e mio marito", George Akerlof, premio Nobel per l'economia nel 2001 e professore della University of California, Berkeley. «Mi piace cucinare e cenare fuori casa».

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal